La guerra biologica ( BW ), nota anche come guerra dei germi, è l’uso di tossine biologiche o agenti infettivi come batteri , virus , insetti e funghi con l’intento di uccidere o inabilitare esseri umani, animali o piante come atto di guerra. Le armi biologiche (spesso definite “bio-armi”, “agenti di minaccia biologica” o “bio-agenti”) sono organismi viventi o entità replicanti ( virus , che non sono universalmente considerati “vivi”). La guerra entomologica (insetto) è un sottotipo di BW.

La guerra biologica è distinta dalla guerra nucleare e dalla guerra chimica , che insieme alla guerra biologica compongono la NBC, l’inizialismo militare per la guerra nucleare, biologica e chimica usando armi di distruzione di massa ( armi di distruzione di massa). Nessuna di queste è considerata un’arma convenzionale , che viene impiegata principalmente per il suo potenziale esplosivo , cinetico o incendiario .

Le armi biologiche possono essere impiegate in vari modi per ottenere un vantaggio strategico o tattico sul nemico, sia con minacce che con schieramenti reali. Come alcune armi chimiche , anche le armi biologiche possono essere utili come armi di rifiuto di area . Questi agenti possono essere letali o non letali e possono essere presi di mira contro un singolo individuo, un gruppo di persone o persino un’intera popolazione. Possono essere sviluppati, acquisiti, immagazzinati o distribuiti da Stati nazionali o da gruppi non nazionali. In quest’ultimo caso, o se uno stato-nazione lo usa clandestinamente , può anche essere considerato bioterrorismo .

La guerra biologica e la guerra chimica si sovrappongono in una certa misura, poiché l’uso di tossine prodotte da alcuni organismi viventi è considerato in base alle disposizioni della Convenzione sulle armi biologiche e della Convenzione sulle armi chimiche . Le tossine e le armi psicochimiche sono spesso indicate come agenti di spettro medio . A differenza delle bio-armi, questi agenti a spettro medio non si riproducono nel loro ospite e sono tipicamente caratterizzati da periodi di incubazione più brevi.

L’uso di armi biologiche è proibita dalla consuetudine del diritto internazionale umanitario ,  , nonché una varietà di internazionali trattati .  L’uso di agenti biologici nei conflitti armati è un crimine di guerra .

Panoramica
La guerra biologica offensiva, compresa la produzione di massa , lo stoccaggio e l’uso di armi biologiche, fu messa fuorilegge dalla Convenzione sulle armi biologiche del 1972 (BWC). La logica alla base di questo trattato , che è stato ratificato o aderito da 170 paesi a partire dall’aprile 2013 [6], è quella di prevenire un attacco biologico che potrebbe comportare un numero considerevole di vittime civili e causare gravi perturbazioni delle infrastrutture economiche e sociali.  Molti paesi, compresi i firmatari del BWC, attualmente conducono ricerche sulla difesa o sulla protezione contro BW, che non è vietata dal BWC.

Una nazione o un gruppo che può rappresentare una minaccia credibile di vittime di massa ha la capacità di alterare i termini con cui altre nazioni o gruppi interagiscono con essa. Le armi biologiche consentono il potenziale di creare un livello di distruzione e perdita di vite di gran lunga superiore alle armi nucleari, chimiche o convenzionali, rispetto alla loro massa e al costo di sviluppo e stoccaggio. Pertanto, gli agenti biologici possono essere utili come deterrenti strategici oltre alla loro utilità come armi offensive sul campo di battaglia. [8] [9]

Come arma tattica per uso militare, un problema significativo con un attacco BW è che occorrerebbero giorni per essere efficaci, e quindi potrebbero non fermare immediatamente una forza avversaria. Alcuni agenti biologici ( vaiolo , peste polmonare ) ( JOEL ) hanno la capacità di trasmissione da persona a persona attraverso goccioline respiratorie aerosolizzate . Questa caratteristica può essere indesiderabile, poiché gli agenti possono essere trasmessi da questo meccanismo a popolazioni non intenzionali, comprese forze neutre o perfino amichevoli. Mentre il contenimento di BW è meno preoccupante per alcune organizzazioni criminali o terroristiche, rimane una preoccupazione significativa per le popolazioni militari e civili di praticamente tutte le nazioni.

Storia

Storia moderna
I comandanti dell’esercito britannico approvarono l’uso del vaiolo come arma biologica nella guerra francese e indiana per colpire i nativi americani durante l’ assedio di Fort Pitt nel 1763.

Corrispondenza tra il generale (barone) Jeffrey Amherst e Il colonnello Henry Bouquet fornisce ulteriori prove del fatto che l’esercito inglese avesse pianificato liberamente l’uso di armi biologiche per uccidere i nativi americani, come dettagliato nella malattia e nelle epidemie dei nativi americani . Un focolaio di vaiolo è stato segnalato nella valle dell’Ohio e nell’area dei Grandi Laghi nel 1763 e 1764.

La diffusione del vaiolo indebolì la resistenza francese e dei nativi americani alle truppe britanniche guidate da Bouquet. L’epidemia di vaiolo è stata considerata il risultato diretto di due coperte e una sciarpa prelevata da un ospedale per piccoli vaioli, poi donata da William Trent e altri rappresentanti dell’esercito inglese al leader Maumaultee e al guerriero Turtle Heart of the Delaware durante la loro visita a Ft Pitt. Di conseguenza, Amherst e Bouquet hanno discusso di altri schieramenti di armi biologiche. Gli apologeti pongono domande sul fatto che l’epidemia sia stata il risultato dell’incidente di Fort Pitt o che il virus fosse già presente tra le persone del Delaware .

È probabile che i marine britannici usassero il vaiolo nel Nuovo Galles del Sud nel 1789. Il dott. Seth Carus  (2015) afferma: “In definitiva, abbiamo un forte caso circostanziale a sostegno della teoria secondo cui qualcuno ha deliberatamente introdotto il vaiolo nella popolazione aborigena”.

Nel 1900 la teoria dei germi e i progressi della batteriologia portarono un nuovo livello di sofisticazione alle tecniche per un possibile uso dei bio-agenti in guerra. Il sabotaggio biologico sotto forma di antrace e ghiandole fu intrapreso per conto del governo imperiale tedesco durante la prima guerra mondiale (1914-1918), con risultati indifferenti. [24] Il protocollo di Ginevra del 1925 proibiva l’uso di armi chimiche e biologiche.

Con l’inizio della seconda guerra mondiale , il Ministero delle forniture nel Regno Unito ha istituito un programma di guerra chimica a Porton Down , guidato dal microbiologo Paul Fildes . La ricerca è stata sostenuta da Winston Churchill e ben presto le tossine di tularemia , antrace , brucellosi e botulismo sono state efficacemente armate. In particolare, Gruinard Islandin Scozia, fu contaminato con l’antrace durante una serie di test approfonditi per i successivi 56 anni. Sebbene il Regno Unito non abbia mai usato offensivamente le armi biologiche che ha sviluppato da solo, il suo programma è stato il primo ad armare con successo una varietà di agenti patogeni mortali e portarli nella produzione industriale.  Altre nazioni, in particolare Francia e Giappone, avevano avviato i propri programmi di armi biologiche.

Quando gli Stati Uniti entrarono in guerra, le risorse alleate furono riunite su richiesta degli inglesi e gli Stati Uniti istituirono un grande programma di ricerca e un complesso industriale a Fort Detrick, nel Maryland, nel 1942, sotto la direzione di George W. Merck . [28] Le armi biologiche e chimiche sviluppate durante quel periodo furono testate presso il Dugway Proving Grounds nello Utah . Presto ci furono strutture per la produzione di massa di spore di antrace, brucellosi e tossine del botulismo , sebbene la guerra fosse finita prima che queste armi potessero essere di grande utilità operativa. [29]

READ  Air Force: Light attack platform experiment

Il programma più noto del periodo fu gestito dall’unità dell’esercito giapponese imperiale segreto 731 durante la guerra , con base a Pingfan in Manciuria e comandato dal tenente generale Shirō Ishii . Questa unità fece ricerche sul BW, condusse spesso esperimenti umani mortali su prigionieri e produsse armi biologiche per uso da combattimento. Sebbene lo sforzo giapponese mancasse della raffinatezza tecnologica dei programmi americani o britannici, li superò di gran lunga nella sua applicazione diffusa e nella brutalità indiscriminata. Le armi biologiche sono state usate contro soldati e civili cinesi in diverse campagne militari.

Nel 1940, l’Aeronautica militare giapponese bombardò Ningbo con bombe di ceramica piene di pulci che trasportavano la peste bubbonica.

Molte di queste operazioni erano inefficaci a causa di sistemi di consegna inefficienti, sebbene possano essere morte fino a 400.000 persone.

Durante la campagna Zhejiang-Jiangxi nel 1942, circa 1.700 truppe giapponesi morirono su un totale di 10.000 soldati giapponesi che si ammalarono di malattia quando i loro attacchi con armi biologiche rimbalzarono sulle proprie forze.

Durante gli ultimi mesi della seconda guerra mondiale, il Giappone ha pianificato di usare la peste come arma biologica contro i civili statunitensi a San Diego , in California , durante l’ operazione Cherry Blossoms at Night . Il piano fu lanciato il 22 settembre 1945, ma non fu eseguito a causa della resa del Giappone il 15 agosto 1945.

In Gran Bretagna, gli anni ’50 videro l’armonizzazione di peste , brucellosi , tularemia e successivamente encefalomielite equina e virus della vaccinia , ma il programma fu unilateralmente annullato nel 1956. I laboratori di guerra biologica dell’esercito degli Stati Uniti armarono antrace , tularemia , brucellosi , febbre Q e altri .

Nel 1969, il Regno Unito e il Patto di Varsavia, separatamente, presentarono all’ONU proposte per vietare le armi biologiche e il presidente americano Richard Nixon interruppe la produzione di armi biologiche, consentendo solo la ricerca scientifica di misure difensive. La Convenzione sulle armi biologiche e tossiniche è stata firmata dagli Stati Uniti, dal Regno Unito, dall’URSS e da altre nazioni, come un divieto di “sviluppo, produzione e stoccaggio di microbi o dei loro prodotti velenosi, tranne in quantità necessaria per la ricerca protettiva e pacifica” nel 1972. Tuttavia, l’ Unione Sovietica ha continuato la ricerca e la produzione di enormi armi biologiche offensive in un programma chiamato Biopreparat , nonostante abbia firmato la convenzione a settembre 2018, 182 paesi hanno ratificato il trattato e nessuno ha dimostrato – sebbene nove siano ancora sospettati   – di possedere programmi offensivi di guerra civile.

Come mezzo di terrorismo 

Le armi biologiche sono difficili da individuare, economiche e facili da usare, rendendole attraenti per i terroristi. Si stima che il costo di un’arma biologica sia circa lo 0,05 percento del costo di un’arma convenzionale al fine di produrre un numero simile di vittime di massa per chilometro quadrato.

Inoltre, la loro produzione è molto semplice in quanto la tecnologia comune può essere utilizzata per produrre guerre biologiche, come quella utilizzata nella produzione di vaccini, alimenti, dispositivi spray, bevande e antibiotici. Un fattore importante della guerra biologica che attira i terroristi è che possono facilmente scappare, prima ancora che le agenzie governative o le agenzie segrete abbiano iniziato le loro indagini. Questo perché il potenziale organismo ha un periodo di incubazione da 3 a 7 giorni, dopo di che iniziano a comparire i risultati, dando così un vantaggio ai terroristi.

Una tecnica chiamata Clustered, Regularly Interspaced, Short Palindromic Repeat ( CRISPR ) è ora così economica e ampiamente disponibile che gli scienziati temono che i dilettanti inizieranno a sperimentare con loro. In questa tecnica, una sequenza di DNA viene tagliata e sostituita con una nuova sequenza o codice che codifica per una particolare proteina o caratteristica, che potrebbe potenzialmente comparire nell’organismo richiesto. Sebbene questa tecnica sia una svolta ed è encomiabile, può causare seri problemi e potenziali pericoli se usata da persone con intenzioni sbagliate. Sono emerse preoccupazioni per quanto riguarda le organizzazioni di ricerca biologica fai-da-te a causa del rischio associato che un ricercatore dilettante fai-da-te amabile potesse tentare di sviluppare pericolose armi biologiche usando la tecnologia di editing del genoma. [44]

Nel 2002, quando la CNN passò attraverso gli esperimenti di Al-Qaeda (AQ) con veleni grezzi, scoprirono che gli AQ associati avevano iniziato a pianificare attacchi di ricina e cianuro con l’aiuto di una libera associazione di cellule. [45] I soci si erano infiltrati in molti paesi come Turchia, Italia, Spagna, Francia e altri. Nel 2015, per combattere la minaccia del bioterrorismo, è stato emesso un progetto nazionale per Biodefense dal gruppo di studio Blue-Ribbon su Biodefense. [46] Inoltre, 233 potenziali esposizioni di agenti biologici selezionati al di fuori delle barriere primarie del biocontenimento negli Stati Uniti sono state descritte dal rapporto annuale del Federal Select Agent Program. [47]

Sebbene un sistema di verifica possa ridurre il bioterrorismo, un dipendente o un terrorista solitario che abbia una conoscenza adeguata delle piante dell’azienda, può causare potenziali pericoli iniettando una sostanza mortale o dannosa nella pianta. Inoltre, è stato riscontrato che circa il 95% degli incidenti che si sono verificati a causa della scarsa sicurezza sono stati commessi da dipendenti o da coloro che avevano il nulla osta di sicurezza. [48]

Guerra entomologica

La guerra entomologica (EW) è un tipo di guerra biologica che usa gli insetti per attaccare il nemico. Il concetto esiste da secoli e la ricerca e lo sviluppo sono proseguiti nell’era moderna. EW è stato utilizzato in battaglia dal Giappone e diverse altre nazioni si sono sviluppate e sono state accusate di utilizzare un programma di guerra entomologica. EW può impiegare insetti in un attacco diretto o come vettori per rilasciare un agente biologico , come la peste . In sostanza, EW esiste in tre varietà. Un tipo di EW comporta l’infezione di insetti con un agente patogeno e quindi la dispersione degli insetti sulle aree bersaglio. [49] Gli insetti fungono quindi da vettore, infettando qualsiasi persona o animale che potrebbero mordere. Un altro tipo di EW è un attacco diretto di insetti contro le colture; l’insetto non può essere infettato da alcun agente patogeno ma rappresenta invece una minaccia per l’agricoltura. Il metodo finale utilizza insetti non infetti, come api, vespe, ecc., Per attaccare direttamente il nemico.

Guerra genetica 
Teoricamente, in futuro potrebbero essere utilizzati nuovi approcci in biotecnologia, come la biologia sintetica, per progettare nuovi tipi di agenti di guerra biologica.

Dimostrerebbe come rendere inefficace un vaccino;
Conferirebbe resistenza agli antibiotici terapeuticamente utili o agli agenti antivirali;
Migliorerebbe la virulenza di un agente patogeno o renderebbe un virulento non patogeno;
Aumenterebbe la trasmissibilità di un agente patogeno;
Altererebbe l’intervallo ospite di un agente patogeno;
Consentirebbe l’evasione di strumenti diagnostici / di rilevazione;
Consentirebbe l’armonizzazione di un agente biologico o tossina
La maggior parte dei problemi di biosicurezza nella biologia sintetica, tuttavia, si concentra sul ruolo della sintesi del DNA e sul rischio di produrre materiale genetico di virus letali (ad esempio influenza spagnola del 1918, poliomielite) in laboratorio.

READ  International #Military Review - #Syria, Feb. 23, 2016

Recentemente, il sistema CRISPR / Cas è emerso come una tecnica promettente per l’editing genico. È stato salutato dal Washington Post come “la più importante innovazione nello spazio della biologia sintetica in quasi 30 anni”.

Mentre altri metodi impiegano mesi o anni per modificare le sequenze geniche, il CRISPR accelera fino a settimane.

Tuttavia, a causa della sua facilità d’uso e accessibilità, ha sollevato una serie di preoccupazioni etiche, in particolare per quanto riguarda il suo uso nello spazio di biohacking.

BW per target 

È stato sostenuto che gli attori statali razionali non avrebbero mai usato le armi biologiche in modo offensivo. L’argomento è che le armi biologiche non possono essere controllate: l’arma potrebbe ritorcersi contro e danneggiare l’esercito sull’offensiva, forse avendo effetti anche peggiori rispetto al bersaglio. Un agente come il vaiolo o altri virus dispersi nell’aria si diffonderebbero quasi certamente in tutto il mondo e alla fine infetteranno il paese di origine dell’utente. Tuttavia, questo argomento non si applica necessariamente ai batteri. Ad esempio, l’ antrace può essere facilmente controllato e persino creato in una casetta da giardino; l’FBI sospetta che possa essere fatto per un minimo di $ 2.500 usando attrezzature di laboratorio prontamente disponibili.

Inoltre, usando metodi microbici, i batteri possono essere opportunamente modificati per essere efficaci solo in un ristretto raggio ambientale, il raggio del bersaglio che differisce nettamente dall’esercito sull’offensiva. Pertanto, solo l’obiettivo potrebbe essere influenzato negativamente. L’arma può essere ulteriormente utilizzata per impantanare un esercito che avanza rendendoli più vulnerabili al contrattacco da parte della forza difendente.

 

Anti-personale 

Le caratteristiche ideali di un agente biologico da utilizzare come arma contro l’uomo sono l’alta infettività , l’elevata virulenza , la non disponibilità di vaccini e la disponibilità di un sistema di consegna efficace ed efficiente . Può essere desiderabile anche la stabilità dell’agente armato (capacità dell’agente di conservare la sua infettività e virulenza dopo un lungo periodo di conservazione), in particolare per applicazioni militari, e viene spesso considerata la facilità di creazione. Il controllo della diffusione dell’agente può essere un’altra caratteristica desiderata.

La difficoltà principale non è la produzione dell’agente biologico, poiché molti agenti biologici usati nelle armi possono essere fabbricati in modo relativamente rapido, economico e facile. Piuttosto, sono le armi, lo stoccaggio e la consegna in un veicolo efficace a un bersaglio vulnerabile che pongono problemi significativi.

Ad esempio, Bacillus anthracis è considerato un agente efficace per diversi motivi. Innanzitutto, forma spore resistenti , perfette per aerosol a dispersione. In secondo luogo, questo organismo non è considerato trasmissibile da persona a persona e quindi raramente, se non mai, causa infezioni secondarie. Un’infezione polmonare all’antrace inizia con normali sintomi simil- influenzali e progredisce in una mediastinite emorragica letale entro 3-7 giorni, con un tasso di mortalità che è del 90% o superiore nei pazienti non trattati.

Infine, il personale amichevole e i civili possono essere protetti con antibiotici adeguati .

Gli agenti considerati per l’arma, o noti per essere armati, includono batteri come Bacillus anthracis , Brucella spp. , Burkholderia mallei , Burkholderia pseudomallei , Chlamydophila psittaci , Coxiella burnetii , Francisella tularensis , alcune delle Rickettsiaceae (in particolare Rickettsia prowazekii e Rickettsia rickettsii ), Shigella spp. , Vibrio cholerae e Yersinia pestis . Molti agenti virali sono stati studiati e / o armati, tra cui alcuni dei Bunyaviridae(in particolare il virus della febbre della Rift Valley ), l’ Ebolavirus , molti dei Flaviviridae (in particolare il virus dell’encefalite giapponese ), il virus Machupo , il virus Marburg , il virus Variola e il virus della febbre gialla . Gli agenti fungini che sono stati studiati includono Coccidioides spp.

Le tossine che possono essere utilizzate come armi includono ricina , enterotossina B stafilococcica , tossina botulinica , sassitossina e molte micotossine . Queste tossine e gli organismi che le producono sono a volte indicati come agenti selezionati . Negli Stati Uniti, il loro possesso, uso e trasferimento sono regolati dal programma Select Agent del Centers for Disease Control and Prevention .

Il precedente programma di guerra biologica degli Stati Uniti ha classificato i suoi bioagenti antiuomo armati come agenti letali ( Bacillus anthracis , Francisella tularensis , tossina botulinica) o agenti invalidanti ( Brucella suis , Coxiella burnetii , virus dell’encefalite equina venezuelana, stafilococcico enterotossina B).

Anti-agricoltura 
Anti-raccolto / anti-vegetazione / anti-pesca
Vedi anche: Ricerca anti-impianto militare degli Stati Uniti
Gli Stati Uniti hanno sviluppato una capacità anti-raccolto durante la guerra fredda che ha usato malattie delle piante ( bioherbicides o mycoherbicides ) per distruggere l’agricoltura nemica. Le armi biologiche colpiscono anche la pesca e la vegetazione acquatica. Si credeva che la distruzione dell’agricoltura nemica su scala strategica potesse contrastare l’ aggressione sino-sovietica in una guerra generale. Malattie come esplosione di grano ed esplosione di risofurono armati in serbatoi di nebulizzazione aerea e bombe a grappolo per essere consegnati ai bacini idrografici nemici nelle regioni agricole per iniziare epifiti (epidemie tra le piante). Quando gli Stati Uniti rinunciarono al suo offensivo programma di guerra biologica nel 1969 e nel 1970, la stragrande maggioranza del suo arsenale biologico era composta da queste malattie delle piante.

Enterotossine e micotossine non sono state influenzate dall’ordine di Nixon.

Sebbene gli erbicidi siano sostanze chimiche, sono spesso raggruppati con la guerra biologica e la guerra chimica perché possono funzionare in modo simile alle biotossine o ai bioregolatori. Il laboratorio biologico dell’esercito ha testato ogni agente e l’unità di scorta tecnica dell’esercito era responsabile del trasporto di tutti i materiali chimici, biologici, radiologici (nucleari). La tattica della terra bruciata o la distruzione del bestiame e dei terreni agricoli furono condotte durante la guerra del Vietnam (cfr. Agente Orange) e la guerra dell’Eelam in Sri Lanka.

La guerra biologica può anche colpire specificamente le piante per distruggere le colture o defogliare la vegetazione. Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno scoperto i regolatori della crescita delle piante (ovvero gli erbicidi ) durante la seconda guerra mondiale e hanno avviato un programma di guerra erbicida che alla fine è stato utilizzato in Malesia e Vietnam nelle operazioni di controinsurrezione .

Anti-bestiame
Durante la prima guerra mondiale, i sabotatori tedeschi usarono antrace e ghiandole per ammalare cavalli di cavalleria negli Stati Uniti e in Francia, pecore in Romania e bestiame in Argentina destinato alle forze dell’Intesa . [67] Uno di questi sabotatori tedeschi era Anton Dilger . Inoltre, la Germania stessa divenne vittima di attacchi simili: i cavalli diretti in Germania furono infettati dal Burkholderia da agenti francesi in Svizzera. [68]

READ  #Syria #Map

Durante la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti e il Canada svilupparono segretamente la peste bovina come malattia altamente letale del bestiame.

Nel 1980 il ministero dell’Agricoltura sovietico aveva sviluppato con successo varianti dell’afta epizootica e la peste bovina contro le mucche, la peste suina africana per i maiali e la psittacosi per uccidere il pollo. Questi agenti erano pronti a spruzzarli giù dai carri armati attaccati agli aeroplani per centinaia di miglia.

Il programma segreto è stato chiamato in codice “Ecologia”.

Durante la rivolta di Mau Mau nel 1952, il lattice velenoso del cespuglio di latte africano fu usato per uccidere il bestiame.

Operazioni difensive in bianco e nero 

Ricerca e sviluppo di contromisure mediche [ modifica ]

Questa sezione necessita di espansione . Puoi aiutare aggiungendo ad esso . ( Dicembre 2011 )
Nel 2010 in occasione della riunione degli Stati Parte della Convenzione sulla proibizione dello sviluppo, produzione e immagazzinamento delle armi batteriologiche (biologiche) e tossiniche e sulla loro distruzione in Ginevra la ricognizione epidemiologica sanitaria è stato suggerito come mezzo ben collaudate per potenziamento del monitoraggio delle infezioni e degli agenti parassitari, per l’attuazione pratica del Regolamento sanitario internazionale (2005). L’obiettivo era prevenire e minimizzare le conseguenze di focolai naturali di pericolose malattie infettive, nonché la minaccia di presunto uso di armi biologiche contro gli Stati parti della BTWC.

Ruolo della sanità pubblica e sorveglianza delle malattie 
È importante notare che i patogeni della maggior parte delle armi biologiche classiche e moderne possono essere ottenuti da una pianta o un animale che è naturalmente infetto.

Infatti, nel più grande incidente di armi biologiche noto – lo scoppio dell’antrace a Sverdlovsk (ora Ekaterinburg ) nell’Unione Sovietica nel 1979 – le pecore si ammalarono di antrace fino a 200 chilometri dal punto di rilascio dell’organismo da una struttura militare nel sud-est parte della città e ancora off limits per i visitatori di oggi, (vedi fuga di antrace di Sverdlovsk ).

Pertanto, un solido sistema di sorveglianza che coinvolge clinici e veterinari umani può identificare un attacco di armi biologiche nelle prime fasi dell’epidemia, permettendo la profilassi della malattia nella stragrande maggioranza delle persone (e / o animali) esposte ma non ancora malate.

Ad esempio, nel caso dell’antrace, è probabile che entro 24-36 ore dopo un attacco, una piccola percentuale di individui (quelli con sistema immunitario compromesso o che avevano ricevuto una grande dose dell’organismo a causa della vicinanza al punto di rilascio ) si ammalerà di sintomi e segni classici (incluso un esame radiografico del torace praticamente unico , spesso riconosciuto dai funzionari della sanità pubblica se ricevono segnalazioni tempestive).

Il periodo di incubazione per l’uomo è stimato tra circa 11,8 giorni e 12,1 giorni. Questo periodo suggerito è il primo modello che è in modo indipendente coerente con i dati del più grande focolaio umano conosciuto. Queste proiezioni perfezionano le stime precedenti della distribuzione dei casi di insorgenza precoce dopo un rilascio e supportano un ciclo raccomandato di 60 giorni di trattamento antibiotico profilattico per gli individui esposti a basse dosi di antrace.

Rendendo disponibili questi dati ai funzionari locali della sanità pubblica in tempo reale, la maggior parte dei modelli di epidemie di antrace indicano che oltre l’80% di una popolazione esposta può ricevere un trattamento antibiotico prima di diventare sintomatico, evitando così la mortalità moderatamente alta della malattia .

Indizi epidemiologici comuni che possono segnalare un attacco biologico 

Dal più specifico al meno specifico:

  • Singola causa di una certa malattia causata da un agente non comune, con mancanza di una spiegazione epidemiologica.
  • Varietà insolita, rara, geneticamente modificata di un agente.
  • Elevati tassi di morbilità e mortalità nei pazienti con sintomi uguali o simili.
  • Presentazione insolita della malattia.
  • Insolita distribuzione geografica o stagionale.
  • Malattia endemica stabile, ma con un aumento inspiegabile della pertinenza.
  • Trasmissione rara (aerosol, cibo, acqua).
  • Nessuna malattia presentata in persone che erano / non sono esposte a “sistemi di ventilazione comuni (hanno sistemi di ventilazione chiusi separati) quando si osserva una malattia in persone nelle immediate vicinanze che hanno un sistema di ventilazione comune”.
  • Malattie diverse e inspiegabili che coesistono nello stesso paziente senza altre spiegazioni.
  • Malattia rara che colpisce una popolazione ampia e disparata (la malattia respiratoria potrebbe suggerire che l’agente patogeno o l’agente sia stato inalato).
  • La malattia è insolita per una determinata popolazione o fascia d’età in cui è presente.
  • Tendenze insolite di morte e / o malattia nelle popolazioni animali, precedenti o associate a malattie nell’uomo.
  • Molte persone colpite hanno cercato il trattamento contemporaneamente.
  • Trucco genetico simile di agenti in soggetti affetti.
  • Collezioni simultanee di malattie simili in aree non contigue, domestiche o straniere.
  • Un’abbondanza di casi di malattie e morti inspiegabili.

Identificazione delle armi biologiche 

L’obiettivo di biodefense è integrare gli sforzi sostenuti delle comunità di sicurezza nazionale e nazionale, medica, pubblica sanità, intelligence, diplomatica e delle forze dell’ordine. Gli operatori sanitari e gli ufficiali di sanità pubblica sono tra le prime linee di difesa. In alcuni paesi le capacità private, locali e provinciali (statali) vengono potenziate e coordinate con le risorse federali, al fine di fornire difese stratificate contro attacchi di armi biologiche. Durante la prima guerra del Golfo, le Nazioni Unite hanno attivato una squadra di risposta biologica e chimica, Task Force Scorpione , per rispondere a qualsiasi potenziale uso di armi di distruzione di massa su civili.

L’approccio tradizionale alla protezione dell’agricoltura, del cibo e dell’acqua: concentrarsi sull’introduzione naturale o involontaria di una malattia viene rafforzato da sforzi mirati per affrontare le attuali e previste minacce future sulle armi biologiche che possono essere intenzionali, multiple e ripetitive.

La crescente minaccia degli agenti di guerra biologica e del bioterrorismo ha portato allo sviluppo di strumenti specifici sul campo che eseguono analisi in loco e identificazione dei materiali sospetti riscontrati. Una di queste tecnologie, sviluppata dai ricercatori del Lawrence Livermore National Laboratory (LLNL), impiega un “test immunologico sandwich”, in cui gli anticorpi fluorescenti marcati con un colorante rivolti a specifici patogeni sono attaccati ai nanofili d’argento e d’oro.

Nei Paesi Bassi , la società TNO ha progettato eQuipment (BiosparQ) per il riconoscimento di singole particelle Bioaerosol. Questo sistema verrebbe implementato nel piano di risposta nazionale per gli attacchi di armi biologiche nei Paesi Bassi.

I ricercatori dell’Università Ben Gurion in Israele stanno sviluppando un dispositivo diverso chiamato BioPen, essenzialmente un “Lab-in-a-Pen”, in grado di rilevare agenti biologici noti in meno di 20 minuti utilizzando un adattamento dell’ELISA , un analogo immunologico ampiamente impiegato tecnica, che in questo caso incorpora la fibra ottica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here