La guerra dell’Ucraina orientale anche indicata come la rivolta o la crisi dell’Ucraina orientale, è un conflitto ancora in corso che ha avuto inizio il 6 aprile 2014, quando alcuni manifestanti armati, secondo le testimonianze, si sono impadroniti di alcuni palazzi governativi dell’Ucraina orientale, ossia nelle regioni di Donetsk, Luhansk e Kharkiv.

I separatisti chiesero un referendum riguardo allo status delle loro regioni all’interno dell’Ucraina i quali si tennero l’11 maggio 2014.

Intanto, dal 6 aprile, sono state tre le repubbliche che si sono proclamate indipendenti: la Repubblica Popolare di Donetsk, la Repubblica Popolare di Kharkiv e la Repubblica Popolare di Lugansk.

Tra il 22 e il 25 agosto, l’artiglieria russa, il suo personale e un convoglio umanitario sono stati segnalati da ufficiali della NATO per aver attraversato il confine in territorio ucraino, senza il permesso del governo locale.

Sconfinamenti si sono verificati sia in zone sotto il controllo delle forze filo-russe sia nelle aree che non erano sotto il loro controllo, come ad esempio la parte sud-orientale dell’Oblast di Donetsk, nei pressi di Novoazovsk. Questi eventi hanno seguito il bombardamento sulle posizioni ucraine dal lato russo del confine riportato nel corso del mese precedente.

Il Capo del servizio di sicurezza dell’Ucraina Valentyn Nalyvajčenko ha detto che gli eventi del 22 agosto sono stati una “invasione diretta da parte della Russia in Ucraina” e funzionari occidentali ed ucraini hanno descritto questi eventi come una “invasione furtiva” dell’Ucraina da parte della Russia; queste dichiarazioni, tuttavia, non sono state finora supportate da prove inequivocabili: per questo motivo diversi analisti , oltre alla stessa dirigenza russa, sono restii a definire la Federazione Russa come parte del conflitto.

Premesse

Dopo il cambio di Governo a Kiev , nel Febbraio 2014, i territori a maggioranza russa, sotto la spinta dell’annessione della Crimea, da parte della Russia, decisero non seguire Kiev nella sua politica filo-occidentale.

In particolare in due Oblast orientali.

Oblast di Donetsk

I tentativi di catturare la sede dell’Amministrazione statale Regionale (RSA) di Donetsk sono iniziati dalle proteste pro-russe scoppiate nelle regioni sud-orientali dell’Ucraina, sulla scia dell’Euromaidan. Manifestanti pro-russi occuparono la RSA di Donetsk tra il 1 ed il 6 marzo, prima di essere arrestati dal servizio di sicurezza dell’Ucraina (SBU).

Il 6 aprile, 1.000-2.000 persone si sono riunite in una manifestazione a Donetsk per chiedere uno stato di referendum simile a quello svoltosi in Crimea a marzo. I manifestanti presero d’assalto l’edificio RSA, e presero il controllo dei suoi primi due piani. Dissero che se una sessione legislativa straordinaria non fosse stata tenuta dai funzionari regionali per implementare un referendum di stato, avrebbero preso il controllo del governo regionale con un “mandato popolare”, e licenziato tutti i consiglieri regionali e tutti i membri del parlamento eletti.

Poiché queste richieste non furono soddisfatte, gli attivisti tennero una riunione nel palazzo RSA, e votarono a favore dell’indipendenza dall’Ucraina. Proclamarono la Repubblica Popolare di Donetsk (DPR).

Oblast di Luhansk

I disordini nell’Oblast di Luhansk iniziarono il 6 aprile, quando circa 1.000 attivisti sequestrarono ed occuparono la sede del SBU nella città di Luhansk , a cui seguirono occupazioni simili nelle città di Donetsk e Kharkiv. I manifestanti si asserragliarono nell’edificio, e chiesero che tutti i leader separatisti arrestati venissero rilasciati. La polizia fu in grado di riprendere il controllo dell’edificio, ma i manifestanti si incontrarono nuovamente per una ‘assemblea del popolo’ all’esterno dell’edificio e invocarono un ‘governo del popolo’, chiedendo o la federalizzazione o l’incorporazione nella Federazione russa . In questa assemblea, Valery Bolotov venne eletto nella posizione di “Governatore del Popolo”. Due “referendum” furono annunciati, uno l’11 maggio per stabilire se la regione avrebbe dovuto cercare qualche forma di autonomia, e un secondo previsto per il 18 maggio per determinare se la regione dovesse unirsi alla Federazione russa, o dichiarare l’indipendenza.

La Repubblica Popolare di Lugansk (LPR) fu proclamata il 27 aprile.

I rappresentanti della Repubblica chiesero che il governo ucraino prevedesse l’amnistia per tutti i manifestanti, sancirono russo come lingua ufficiale, e tennero un referendum sullo status della regione. Pubblicarono un ultimatum che dichiarò che se Kiev non avesse soddisfatto le loro richieste entro le ore 14:00 del 29 aprile, avrebbero lanciato una rivolta in tandem con quella delle Repubblica popolare di Donetsk.

Storia

Evoluzione della situazione militare in Ucraina orientale, tra il 1 luglio e il 12 settembre 2014, dopo la tregua firmata a Minsk: arancione – territorio tenuto dagli separatisti
Dopo aver acquisito il controllo del RSA di Donetsk e aver proclamato la Repubblica popolare, i gruppi filo-russi promisero di eliminare e prendere il controllo delle infrastrutture strategiche in tutto l’Oblast’ di Donetsk, e chiesero che i funzionari pubblici che avessero voluto continuare il loro lavoro giurassero fedeltà alla Repubblica . Entro il 14 aprile, i separatisti filo-russi avevano preso il controllo degli edifici governativi in molte altre città all’interno dell’oblast’ , tra cui Mariupol , Horlivka , Sloviansk , Kramatorsk , Yenakiieve , Makiivka , Druzhkivka , e Zhdanivka .

Primo stallo

In risposta all’ampliamento dei disordini, il Presidente ucraino in carica, Oleksandr Turchynov, promise di lanciare una grande operazione “anti-terrorismo” ATO contro i movimenti separatisti nell’Oblast’ di Donetsk. Il ministro degli Interni, Arsen Avakov, disse il 9 aprile che i disordini nella regione di Donetsk si sarebbero risolti entro 48 ore, o attraverso negoziati o con l’uso della forza. Il presidente Turchynov firmò un decreto per riprendere la costruzione del RSA di Donetsk, e metterlo “sotto la protezione dello Stato,” e offrì l’amnistia ai manifestanti se avessero deposto le armi.

9 aprile 2014

A Donetsk sessanta manifestanti filo russi furono catturati dopo l’occupazione degli uffici governativi. Secondo quanto riferito dalle autorità furono sparati alcuni colpi ma non ci furono né feriti né morti. [10]A Luhansk la polizia ucraina sgomberò 50 filorussi, senza far ricorso alla violenza, penetrati nell’ufficio regionale per la Sicurezza, prendendo in ostaggio 60 persone. Stando a quanto ricostruito i rapitori avevano intenzione di usare i civili come scudi umani.

10 aprile 2014

A Kharkiv venne condotta una massiccia operazione “anti-terrorismo” da parte delle unità speciali dell’esercito di Kiev. I palazzi del governo locale erano stati conquistati da circa un centinaio di manifestanti, che comunque abbandonarono gli edifici senza opporre resistenza. La polizia liberò il palazzo del governo di Kharkiv arrestando 70 filorussi. La notizia venne data dall’agenzia Interfax, citando il ministero dell’interno. Non furono usate armi da fuoco. Un principio d’incendio si sviluppò al piano terra dell’edificio, forse a causa di alcune molotov lanciate dai manifestanti, ma venne domato. Intanto, secondo il segretario della NATO, 40.000 soldati russi restavano schierati lungo il confine orientale ucraino.

Espansione del controllo territoriale

Militanti separatisti non contrassegnati sequestrarono l’ufficio del Ministero dell’Interno a Donetsk il 12 aprile, senza resistenza. In seguito a negoziati tra i militanti e le persone nel palazzo, il capo dell’ufficio venne dimesso dal suo incarico. Gli agenti della forza di polizia speciale Berkut, che era stata sciolta dal governo dopo la rivoluzione di febbraio, presero parte al sequestro dalla parte dei separatisti. A seguito di tale sequestro, i militanti avrebbero cominciato ad espandere il loro controllo attraverso Donetsk. L’edificio comunale dell’amministrazione della città di Donetsk fu preso d’assalto e occupato dai ribelli il 16 aprile. Ulteriori azioni di separatisti portarono alla cattura degli uffici della rete televisiva di stato regionale il 27 aprile. Dopo aver catturato il centro di trasmissione , i militanti cominciarono a trasmettere i canali televisivi russi. Il 4 maggio, la bandiera della Repubblica Popolare di Donetsk è stata sollevata sopra il quartier generale della polizia nella città di Donetsk.

Sloviansk

Militanti separatisti presero il controllo del palazzo dell’amministrazione comunale, degli uffici di polizia, e della sede del SBU a Sloviansk , una città nella parte settentrionale dell’Oblast di Donetsk, il 12 aprile. I militanti furono apparentemente accolti dal sindaco eletto, Nelya Shtepa, che disse che gli edifici erano stati sequestrati dai “volontari” e dagli “attivisti”. “Non posso obiettare contro di loro, dal momento che Slavyansk considera la Russia il suo fratello maggiore e noi non combatteremo con la Russia”, ha detto dei militanti. Alcune persone si radunarono all’esterno dell’edificio della polizia occupato per esprimere il loro sostegno per i militanti. Dissero ai giornalisti ucraini che stavano segnalando la posizione di “tornare a Kiev “. Nelya Shtepa venne arrestato, e sostituito dal sedicente “sindaco del popolo”, Vyacheslav Ponomarev. I separatisti presero il controllo del deposito di armi della polizia della città e sequestrarono centinaia di armi da fuoco, che indussero il governo ucraino a lanciare una operazione “antiterrorismo” per riprendere la città. Questa controffensiva del governo iniziò la mattina del 13 aprile. Come conseguenza, una situazione di stallo si radicò tra le forze filo-russe e le Forze Armate ucraine. La città rimase assediata fino al 5 luglio, quando le forze ucraine si ritirarono, con una stima di 15-20.000 sfollati a causa dei combattimenti.

Kramatorsk

A Kramatorsk, una città nel nord dell’Oblast’ di Donetsk, i separatisti attaccarono una stazione di polizia il 13 aprile, con un conseguente sparatoria. I combattenti, membri della Milizia popolare del Donbass, catturarono poi la stazione di polizia. Rimossero il segno della stazione di polizia e sollevarono la bandiera della Repubblica Popolare di Donetsk sopra l’edificio. Lanciarono un ultimatum che dichiarò che se il sindaco e l’amministrazione della città non avessero giurato fedeltà alla Repubblica dal seguente lunedì, li avrebbero rimossi dall’incarico. Allo stesso tempo, una folla di manifestanti circondò l’edificio amministrativo della città, catturandolo, e sollevando la bandiera della Repubblica Popolare su di esso. Un rappresentante della Repubblica affrontò la gente del posto al di fuori della stazione di polizia occupata, ma fu ricevuto negativamente e fischiato.

Dopo una controffensiva del governo nell’ambito dell’operazione di “anti-terrorismo” nell’Oblast di Donetsk il 2-3 maggio, gli insorti furono instradati dalla città occupata nella sede del SBU di Kramatorsk. Nonostante questo, le truppe ucraine rapidamente si ritirarono dalla città per ragioni sconosciute, e i separatisti ripresero rapidamente il controllo. Sporadici combattimenti continuarono fino al 5 luglio, quando i ribelli si ritirarono da Kramatorsk.

Horlivka

I militanti tentarono di catturare il quartier generale della polizia a Horlivka il 12 aprile, ma furono fermati. Ukrayinska Pravda ha riferito che la polizia ha detto che lo scopo del tentato sequestro era quello di ottenere l’accesso a un deposito di armi. Hanno detto che avrebbero usato la forza se necessario per difendere l’edificio da “criminali e terroristi”. Entro il 14 aprile, tuttavia, i militanti catturarono con successo l’edificio dopo una situazione di stallo tesa con la polizia. Alcuni membri dell’unità di polizia locale disertarono a favore della Repubblica Popolare di Donetsk nella prima parte della giornata, mentre i restanti uffici furono costretti a ritirarsi, permettendo ai ribelli di prendere il controllo del palazzo. Il capo della polizia locale venne catturato e picchiato dagli insorti. Un deputato del consiglio comunale di Horlivka, Volodymyr Rybak, venne rapito da uomini mascherati ritenuti essere militanti filo-russi il 17 aprile. Il suo corpo è stato poi trovato in un fiume il 22 aprile. L’edificio dell’amministrazione comunale fu sequestrato il 30 aprile, consolidando il controllo separatista su Horlivka. L’auto-proclamato sindaco di Horlivka Volodymyr Kolosniuk fu arrestato dalla SBU con l’accusa di partecipazione ad “attività terroristiche” il 2 luglio.

Mariupol

Gli attivisti della Repubblica Popolare di Donetsk presero il controllo del palazzo dell’amministrazione comunale a Mariupol il 13 aprile. Il governo ucraino ha affermato di avere “liberato” l’edificio il 24 aprile, ma questo è stato negato dalla gente del posto intervistati dalla BBC vicino al edificio.

Gli scontri tra le forze governative e i gruppi filo-russi s’intensificarono ai primi di maggio, quando l’edificio dell’amministrazione comunale fu brevemente riconquistato dalla Guardia Nazionale ucraina. Le forze filo-russe presero rapidamente l’edificio. I militanti poi lanciarono un attacco contro una stazione della polizia locale, portando il governo ucraino ad inviare forze militari. Le schermaglie tra i soldati e i manifestanti locali causarono l’incendio dell’edificio dell’amministrazione comunale. Le forze governative, però, non ebbero successo nel costringere alla fuga i pro-russi, e infiammarono solo ulteriormente le tensioni a Mariupol. Il 16 maggio, però, i siderurgici della Metinvest, insieme con la polizia locale e le forze di sicurezza, instradarono gli insorti dall’amministrazione comunale e dagli altri edifici governativi occupati della città. La maggior parte dei ribelli lasciarono la città, e quei pochi rimasti vennero dichiarati disarmati. Nonostante questo, il quartier generale della Repubblica Popolare di Donetsk in città è rimasto intatto, e manifestanti filo-russi potrebbero ancora essere visti al di fuori dell’incendiata amministrazione della città.

Le truppe ucraine guadagnarono il controllo della città il 13 giugno, con l’assistenza della Guardia Nazionale. La sede del DPR fu catturata. Mariupol è stata poi dichiarata la capitale provvisoria dell’Oblast’ di Donetsk, in luogo della città di Donetsk, che è stata occupata dai separatisti.

Altre città

Molte città più piccole in tutto il Donbass caddero in mano ai separatisti.

Ad Artemivsk, il 12 aprile, i separatisti non riuscirono a catturare l’ufficio locale del Ministero degli Affari Interni, ma invece catturarono l’edificio dell’amministrazione comunale e sollevarono la bandiera della Repubblica Popolare su di esso. Anche gli edifici amministrativi della città a Yenakiieve e a Druzhkivka furono catturati. La polizia respinse un attacco di militanti filo-russi su un ufficio del Ministero degli Interni a Krasnyi Lyman il 12 aprile, ma l’edificio fu poi catturato dai separatisti dopo una scaramuccia. Insorti affiliati alla Milizia Popolare del Donbass occuparono un edificio regionale dell’amministrazione a Khartsyzk il 13 aprile, seguita da un edificio dell’amministrazione locale a Zhdanivka il 14 aprile. I manifestanti issarono la bandiera della Repubblica Popolare negli edifici amministrativi delle città di Krasnoarmiisk e di Novoazovsk il 16 aprile. L’edificio locale dell’amministrazione a Siversk venne ugualmente catturato il 18 aprile. Dopo l’acquisizione, la polizia locale annunciò che avrebbe co-operato con gli attivisti. Il 20 aprile, separatisti a Yenakiieve lasciarono l’edificio dell’amministrazione comunale che avevano occupato dal 13 aprile. Nonostante questo, entro il 27 maggio la città non era ancora sotto il controllo del governo ucraino. Manifestanti pro-russi a Kostiantynivka bruciarono gli uffici di un giornale che era stato critico nei confronti della DPR il 22 aprile.

Da 70 a 100 insorti armati di fucili d’assalto e lanciarazzi attaccarono un arsenale ad Artemivsk il 24 aprile. Il deposito ospitava una trentina di carri armati. Le truppe ucraine tentarono di combattere gli insorti, ma furono costretti a ritirarsi dopo un numero considerevole di uomini che furono feriti dal fuoco dei ribelli.

Il ministro degli Interni, Arsen Avakov, ha detto che gli insorti erano guidati da un uomo con “un ampio orso”, riferendosi al militante russo Alexander Mozhaev. Una trentina di militanti sequestrarono il quartier generale della polizia a Konstantinovka il 28 aprile.

Il giorno successivo, un edificio amministrativo della città a Pervomaisk fu invaso da ribelli della Repubblica Popolare di Lugansk, che poi sollevarono la loro bandiera su di esso. Lo stesso giorno, i militanti presero il controllo sull’edificio amministrativo della città a Alchevsk .

A Krasnyi Luch, l’amministrazione comunale accettò le richieste da attivisti separatisti per sostenere i referendum sullo status di Donetsk e Luhansk che si tennero l’11 maggio, e in seguito alzarono la bandiera russa sopra l’edificio dell’amministrazione della città.

I ribelli occuparono l’edificio dell’amministrazione comunale a Stakhanov il 1º maggio. Nel corso della settimana, catturarono la locale stazione di polizia, un centro business, e la sede del SBU. Gli attivisti a Rovenky occuparono un edificio della polizia il 5 maggio, ma lo lasciarono subito. Lo stesso giorno, la Questura di Slovianoserbsk fu sequestrata dai membri dell’Armata del Sud-Est, che è affiliata con la Repubblica Popolare di Lugansk. La città di Antratsyt fu occupata da numerosi Cosacchi del Don rinnegati. I ribelli continuarono catturando l’ufficio del procuratore a Sievierodonetsk il 7 maggio. Il giorno successivo, i sostenitori della Repubblica Popolare di Lugansk catturarono gli edifici governativi a Starobilsk.

Continua……

La strage di Odessa

Il 2 maggio 2014  a Odessa, a seguito di violenti scontri tra autonomisti/secessionisti e sostenitori del governo auto-proclamatosi di Kiev, un gruppo di manifestanti filo-russi disarmati si è rifugiato nel Palazzo dei Sindacati. Una folla composta da ultrà calcistici ed estremisti di destra, sostenitori del governo auto-proclamatosi, ha circondato il palazzo e l’ha incendiato con un fitto lancio di bombe molotov.

Trentotto persone, intrappolate all’interno, sono rimaste uccise: arse vive, soffocate dal fumo o schiantate al suolo nel disperato tentativo di sfuggire alle fiamme lanciandosi dalla finestra (secondo testimoni oculari, i sopravvissuti alla caduta sarebbero stati linciati dagli assaltanti filo-occidentali).

Questi i fatti come sono immediatamente emersi, al di là di ogni ragionevole dubbio, grazie a video incontrovertibili che mostrano gli ultrà filo-occidentali assaltare e incendiare il palazzo . Eppure, per quasi un giorno intero la stampa italiana è stata incredibilmente vaga nel raccontare l’evento.

Ancora la mattina del giorno seguente, si leggeva nel sito del “Corriere della Sera”:”Trentotto persone sono morte in un incendio scoppiato nella città ucraina di Odessa e legato ai disordini tra manifestanti filo russi e sostenitori del governo di Kiev”. Una formulazione che sembra costruita ad hoc per non lasciare intendere ai lettori che il rogo fosse doloso, né far capire chi fossero gli aggressori e chi le vittime.

Il sito di “Repubblica” recitava, invece: “È di almeno 38 morti anche il bilancio delle vittime degli scontri tra separatisti e lealisti a Odessa, città portuale ucraina sul Mar Nero. “Uno di loro è stato colpito da un proiettile”, ha riferito una fonte all’agenzia Interfax, “mentre per quel che riguarda gli altri non si conosce la causa della loro morte”. La sede dei sindacati è stata data alle fiamme. Le persone sono morte nell’incendio. Gli scontri sono violentissimi”. Qui la ricostruzione è confusa, perché mischia il resoconto del rogo coi precedenti scontri occorsi in città. Si ammette che il Palazzo dei Sindacati è stato arso volontariamente, ma si omette di specificare da parte di chi, e che le 38 vittime sono tutte di una singola fazione.

Peggio faceva il sito de “L’Unità” che, addirittura, imputava l’incendio alle vittime:”Un numero consistente di persone ha perso la vita nell’incendio della sede dei sindacati, messa a fuoco dai separatisti filorussi”. Un grottesco ritratto di un presunto suicidio di massa, corretto dopo diverse ore ma non imputando la strage ai reali colpevoli, bensì lasciando indefinita l’identità di aggressori e vittime: “A Odessa, città portuale sul Mar Nero, separatisti e fedeli al governo di Kiev si sono scontrati armati di bastoni e sassi, ma sono stati sparati anche proiettili. I morti nelle violenze a Odessa sono almeno 38. Lo ha riferito il ministero dell’Interno ucraino. Un numero consistente di persone ha perso la vita nell’incendio della sede dei sindacati. “Si è trattato di un gesto criminale”, ha affermato il governo, indicando che una trentina di persone è morta per l’intossicazione da fumo e altre 8 si sono schiantate al suolo dopo che si erano gettate dalle finestre dell’edificio per sfuggire alle fiamme”.

Di fronte alle prove schiaccianti dei video e delle testimonianze unanimi, quando ormai tutto il mondo riconosceva la matrice della strage, anche la stampa italiana ha corretto il tiro. Ma qui il fenomeno si fa non meno curioso (e increscioso). Quasi come da manuale, viene messa in atto quella manipolazione delle notizie che gli studiosi hanno riconosciuto nel triplice processo di agenda-setting (definizione delle priorità),priming (relazionamento dei contenuti a specifiche questioni) e framing(suggerimento delle interpretazioni).

Si è già sottolineato come i governi, i media e le società civili occidentali (e specularmente quelli russi) abbiano affrontato in maniera opposta e incoerente i due casi della Libia 2011 e dell’Ucraina 2014. Nel 2011 la stampa italiana (e in genere occidentale) dava ampio risalto alla repressione dell’insorgenza libica, non risparmiandosi le esecrazioni contro il regime. Immaginiamoci se allora una teppaglia pro-Gheddafi avesse bruciato vivi 38 oppositori rifugiati in un palazzo, di fronte alla polizia presente ma passiva. Inutile sottolineare che la stampa occidentale avrebbe pullulato di editoriali indignati e, almeno in parte, interventisti. Oggi invece, anche dopo aver riconosciuto l’orrore di quanto realmente accaduto a Odessa, la stampa italiana è estremamente scevra di giudizi e condanne. Il tutto è trattato in maniera asettica e distaccata. Si veda, a titolo di esempio, come ora il “Corriere” descrive la vicenda: viene detto tutto, ma nel centro dell’articolo e senza commenti o giudizi.

Rispetto ai fatti di Libia, o anche della Siria quando ancora la versione ufficiale voleva i “cattivi” assadiani contro i “buoni” ribelli (oggi la vulgata è che i “cattivi” assadiani combattono i “cattivi” salafiti), la stampa italiana si mostra molto più cauta anche nella selezione delle immagini da mostrare. All’epoca i video amatoriali non verificati erano regolarmente portati all’attenzione del pubblico – ma, curiosamente, solo quelli che accusavano i regimi, e non i video (altrettanto amatoriali e non verificati) che mostravano presunti crimini dei ribelli. Attualmente, nessun media italiano risulta abbia ancora mostrato le foto – anche in questo caso amatoriali e non verificabili – che ritrarrebbero i corpi delle vittime del rogo di Odessa (le persone non impressionabili possono vederne qui e qui).

Nietzsche diceva che non esistono i fatti ma solo le interpretazioni.Talvolta la stampa italiana appare sbadata nel raccogliere e fornire notizia dei fatti; ma è sempre pronta e creativamente incoerente quando si tratta di interpretarli al posto dei lettori. 

via http://www.huffingtonpost.it/daniele-scalea/strage-odessa-censura_b_5262168.html

La controffensiva del Governo

Arsen Avakov, il Ministro degli Affari Interni, disse il 9 aprile che il problema separatista sarebbe stato risolto entro 48 ore, o attraverso negoziati o con l’uso della forza. “Ci sono due modi opposti per risolvere questo conflitto. Un dialogo politico e l’approccio pesante. Siamo pronti per entrambi”, ha detto, secondo l’agenzia di stampa statale Ukrinform. Al momento, il presidente Oleksandr Turchynov aveva già firmato un decreto che prevedeva la riconquista della sede dell’Amministrazione Statale Regionale di Donetsk, che era stata occupata dai separatisti, “sotto la protezione dello stato”. Venne offerta l’amnistia a tutti i separatisti che avessero deposto le armi e si fossero arresi.

L’11 aprile, il Primo Ministro,Arseniy Yatsenyuk, disse che era contro l’uso di “forze dell’ordine”, al momento, ma che “c’era un limite” per quanto il governo ucraino avrebbe tollerato.

In risposta all’espansione del controllo separatista in tutto l’Oblast di Donetsk, e il rifiuto dei separatisti di deporre le armi, Turchynov promise di lanciare una operazione di contro-offensiva militare contro i ribelli nella regione il 15 aprile. Come parte delle truppe ucraine, la contro-offensiva riprese il campo d’aviazione a Kramatorsk dopo una scaramuccia con i membri della Milizia Popolare del Donbass. Almeno quattro persone sono morte in seguito.

Dopo che le Forze Armate dell’Ucraina ripresero il campo d’aviazione, il generale comandante dell’unità che l’aveva ripresa, Vasily Krutov, fu circondato da manifestanti ostili che chiedevano di sapere perché le truppe ucraine avessero sparato sui residenti locali. Krutov fu poi trascinato dentro alla base aerea insieme alla sua unità. Furono poi bloccati dai manifestanti, che giurarono di non lasciare che le truppe lasciassero la base. Krutov più tardi disse ai giornalisti che “se [i separatisti] non deporranno le armi, essi saranno distrutti”.

Insorti della Milizia Popolare del Donbass entrarono a Sloviansk il 16 aprile, insieme a sei mezzi blindati che affermarono di aver ottenuto dalla 25ª Brigata Aviotrasportata, che si era arresa nella città di Kramatorsk . I rapporti dicono che i membri della brigata erano stati disarmati dopo che i veicoli erano stati bloccati dal passare dei locali arrabbiati. In un altro episodio, diverse centinaia di residenti del villaggio di Pchyolkino, a sud di Sloviansk, circondarono un’altra colonna di quattordici veicoli blindati ucraini. A seguito dei negoziati le truppe sono state autorizzate a guidare i loro veicoli lontano, ma solo dopo aver accettato di cedere le munizioni dei loro fucili d’assalto. Questi incidenti portarono il presidente Turchynov a sciogliere la 25ª Brigata Aviotrasportata. Tre membri della Milizia furono uccisi, undici feriti e sessantatré arrestati dopo aver tentato e fallito di prendere d’assalto una base della Guardia Nazionale a Mariupol.

Turchynov rilanciò la controffensiva in stallo contro gli insorti filo-russi il 22 aprile, dopo che due uomini, di cui un politico locale, furono trovati “torturati a morte”. Il politico, Volodymyr Rybak, venne trovato morto nei pressi di Sloviansk dopo essere stato rapito dai ribelli filo-russi. Turchynov disse che “i terroristi che hanno effettivamente preso in ostaggio l’intero Oblast di Donetsk sono ormai andati troppo lontano”. Il Ministero degli Affari Interni riferì che la città di Sviatogorsk, nei pressi di Sloviansk, è stata riconquistata dalle truppe ucraine il 23 aprile. Inoltre, il ministero della Difesa disse che aveva preso il controllo su tutti i punti di importanza strategica nella zona intorno a Kramatorsk.

Il ministro degli Interni, Arsen Avakov, disse il 24 aprile che le truppe ucraine avevano catturato l’amministrazione della città di Mariupol, dopo uno scontro con i manifestanti filo-russi lì. Nonostante questo, un rapporto della BBC disse che, mentre sembrava che le truppe ucraine e il sindaco di Mariupol fossero stati fatti entrare nel palazzo la mattina presto, le truppe ucraine l’avevano abbandonato dal pomeriggio. Attivisti filo-russi locali incolparono i nazionalisti ucraini per l’attacco contro l’edificio, ma dissero che la DPR ne aveva ripreso il controllo. Un rappresentante della Repubblica, Irina Voropoyeva, ha dichiarato: “Noi, la Repubblica Popolare di Donetsk, controlliamo ancora l’edificio. C’è stato un tentativo di provocazione, ma ora è finito”.

Lo stesso giorno, i funzionari del governo ucraino dissero che le forze armate avevano lo scopo di riprendere la città di Sloviansk, ma che un aumento del rischio d'”invasione russa” aveva interrotto queste operazioni. Le forze russe erano state mobilitate in un raggio di 10 chilometri (6 e 1/4 di miglia) dal confine ucraino. I funzionari dissero che sette soldati erano stati uccisi durante le operazioni della giornata. Il presidente Turchynov rilasciò una dichiarazione nel corso della giornata, e disse che l’operazione “anti-terrorismo” sarebbe stata ripresa, citando la continua crisi degli ostaggi a Sloviansk come una ragione. Entro il 6 maggio, quattordici soldati ucraini erano morti e sessantacinque erano stati feriti nei combattimenti.

.

La mattina presto del 7 maggio, la Guardia Nazionale riprese l’amministrazione della città di Mariupol, dopo pesanti combattimenti con i ribelli durante la notte. I manifestanti anti-governativi dissero che le forze governative avevano usato “gas tossici” durante l’operazione, con conseguenti lesioni, quando i manifestanti avevano cercato di rioccupare l’edificio dopo che la Guardia Nazionale si era ritirata. Entro il 7 maggio, la bandiera della DPR veniva ancora una volta sventolata sopra l’edificio.

Le truppe ucraine lanciarono un altro attacco contro i ribelli a Mariupol il 9 maggio. Durante un assalto a un edificio della polizia occupato, il palazzo fu incendiato dalle forze governative, causando la fuga degli insorti. Arsen Avakov disse che sessanta ribelli avevano attaccato l’edificio della polizia, non truppe ucraine, e che le altre forze governative e di polizia erano riuscite a respingere gli insorti. Tra sei e venti militanti furono uccisi, insieme a un agente di polizia. Quattro militanti furono catturati, e cinque poliziotti rimasero feriti. Un veicolo corazzato venne catturato dai manifestanti filo-russi durante i combattimenti. Dopo gli scontri, le forze filo-russe costruirono barricate nel centro della città. Allo stesso tempo, il telegiornale nazionale ucraino disse che i separatisti avevano tentato di disarmare le truppe ucraine nei pressi di Donetsk. Le truppe si opposero sparando colpi di avvertimento, e arrestando un centinaio di separatisti. Inoltre, un anonimo sacerdote, della Chiesa Ortodossa Ucraina (Patriarcato di Mosca), avrebbe tentato di negoziare con i separatisti vicino Druzhkivka, ma fu poi ucciso dopo essere stato colpito otto volte. Ciò fu confermato dalla Chiesa e dalla Procura della Repubblica.

La nascita dello Stato Federale

Venne riferito il 12 maggio che, dopo il referendum sulle autonomie locali, il capo della Milizia Popolare del Donbass Igor Girkin si è dichiarato “Comandante Supremo” della Repubblica Popolare di Donetsk. Nel suo decreto, chiese che tutti i militari di stanza nella regione prestassero giuramento di fedeltà a lui entro 48 ore, e disse che tutti i restanti militari ucraini nella regione sarebbero stati “distrutti sul posto.” Fece poi una petizione alla Federazione russa per il sostegno militare per proteggersi contro “la minaccia di un intervento da parte della NATO” e dal “genocidio”. Pavel Gubarev , presidente della Repubblica Popolare di Donetsk, istituì la legge marziale il 15 maggio e promise l'”annientamento totale” delle forze ucraine se non fossero state ritirate dal Donbass entro le 21:00. Allo stesso modo, il presidente della Repubblica Popolare di Lugansk, Valery Bolotov, proclamò la legge marziale il 22 maggio.

Il magnate dell’acciaio con sede a Donetsk Rinat Akhmetov invitò i suoi 300.000 dipendenti all’interno della regione di Donetsk ad una “manifestazione contro i separatisti” il 20 maggio. Sirene suonavano a mezzogiorno presso i suoi stabilimenti per segnalare l’inizio del raduno. La cosiddetta “Marcia della Pace” si tenne nella Donbass Arena della città di Donetsk, accompagnati da auto che suonarono il clacson a mezzogiorno. BBC News e Ukrayinska Pravda riferirono che alcuni veicoli furono attaccati da separatisti, e che uomini armati avevano avvertito gli uffici di diversi servizi taxi della città a non prendere parte alla manifestazione. In risposta al rifiuto di Akhmetov di pagare le tasse alla Repubblica Popolare di Donetsk, il 20 maggio il presidente del Consiglio di Stato della DPR, Denis Pushilin, annunciò che la Repubblica avrebbe tentato di nazionalizzare le attività di Akhmetov. Il 25 maggio, tra i 2.000 e i 5.000 manifestanti marciarono alla villa di Akhmetov nella città di Donetsk, e chiesero la nazionalizzazione delle proprietà di Akhmetov, cantando “Akhmetov è un nemico del popolo!”.

Diciotto soldati furono uccisi nel corso di un attacco da parte dei separatisti ad un checkpoint dell’esercito nei pressi della città di Volnovakha, il 22 maggio. [Tre corazzati da trasporto truppa e diversi camion furono distrutti durante l’attacco e uno degli insorti venne ucciso durante il raid. Lo stesso giorno, un convoglio composto da un centinaio di soldati tentò di attraversare un ponte a Rubizhne, nei pressi di Luhansk, e avanzare nel territorio tenuto dagli insorti. Essi furono attaccati da un gruppo tra 300 e 500 insorti. Dopo il combattimento, che durò per tutta la giornata, i soldati furono costretti a ritirarsi. Tra due e quattordici soldati, e sette e venti ribelli furono uccisi durante i combattimenti. Tre veicoli da combattimento di fanteria dell’esercito e un autocarro vennero distrutti, e altri tre veicoli blindati catturati dagli insorti. Il ministero degli Interni dichiarò che alcuni insorti avevano tentato di entrare nell’Oblast di Luhansk dalla Russia, ma erano stati respinto dalle guardie di frontiera.

A seguito di una dichiarazione di Pavel Gubarev viene istituito il Partito “Nuova Russia” il 22 maggio, i rappresentanti delle repubbliche di Donetsk e di Lugansk firmarono un accordo che istituì lo Stato Federale di Nuova Russia. I separatisti prevedevano di incorporare la maggior parte delle regioni meridionali e orientali dell’Ucraina nella nuova confederazione, comprese le città principali di Kharkiv, Kherson, Dnipropetrovsk, Mykolaiv, Zaporizhia e Odessa. La dichiarazione firmata stabilì l’ortodossia russa come religione di Stato e l’intenzione di nazionalizzare le industrie chiave.

Una unità del Battaglione pro-governativo di volontari paramilitari del Donbass tentò di avanzare su un posto di blocco separatista nei pressi del villaggio di Karlivka, a nord-ovest della città di Donetsk, il 23 maggio. Essi furono attaccati da un gruppo tra 150 e 200 separatisti, sostenuto da uno dei mezzi blindati catturati. I paramilitari filo-governativo vennero circondati dai separatisti, e in inferiorità numerica di sei a uno, fino a quando i combattenti affiliati con il movimento nazionalista Settore Destro sfondarono le linee separatiste per consentire ad alcuni membri del gruppo di fuggire. Cinque membri del Battaglione del Donbass vennero uccisi, insieme a quattro separatisti. Venti dei paramilitari filo-governativi vennero feriti, e almeno quattro catturati. Il coinvolgimento di Settore Destro fu contestato dalla leadership del Battaglione dek Donbass. Il leader pro-russo Igor Bezler disse che giustiziò tutti i paramilitari catturati. Un altro leader separatista confermò che quattro dei loro combattenti erano stati uccisi, e disse anche che dieci paramilitari filo-governativi e due civili erano morti. Durante lo stesso giorno, due separatisti filo-russi furono uccisi durante un assalto da parte del Battaglione paramilitare pro-governativo “Ucraina” in un edificio governativo locale occupato a Torez.

Battaglia dell’aeroporto e combattimenti a Lugansk

La mattina del 26 maggio, 200 insorti filo-russi, compresi i membri del battaglione Vostok, catturarono il terminal principale dell’aeroporto internazionale di Donetsk, eressero blocchi stradali intorno ad esso, e chiesero che le forze governative si ritirassero. Subito dopo che queste richieste erano state rilasciate, la Guardia Nazionale ucraina emise un ultimatum ai separatisti, chiedendo loro di arrendersi. Questo è stato successivamente respinto. Le forze governative hanno poi lanciato un assalto alle posizioni separatiste nell’aeroporto con paracadutisti e attacchi aerei. Gli elicotteri d’attacco furono utilizzati anche dalle forze governative. Presero di mira un cannone antiaereo separatista a comando. Una quarantina di ribelli stimati morti nei combattimenti, con alcuni civili presi nel fuoco incrociato. Tra i quindici e i trentacinque insorti furono uccisi in un solo episodio, quando due camion che trasportavano combattenti feriti dall’aeroporto furono distrutti in un agguato dalle forze governative.

Durante i combattimenti nell’aeroporto, la Druzhba Arena di Donetsk fu saccheggiata dai ribelli filo-russi, che avrebbero saccheggiato l’edificio e distrutto apparecchiature di sorveglianza, e l’avrebbero dato alle fiamme. Allo stesso tempo, la polizia di Donetsk disse che i ribelli avevano ucciso due poliziotti nella vicina città di Horlivka. Il Moscow Times riferì che i due uomini erano stati giustiziati per “aver rotto il loro giuramento alla Repubblica Popolare di Donetsk”.

Insorti affiliati alla Repubblica Popolare di Lugansk attaccarono un’unità della Guardia Nazionale ucraina nelle prime ore del 28 maggio. RIA Novosti ha riferito che ottanta membri della Guardia Nazionale in seguito si arresero agli insorti, mentre la Guardia Nazionale rilasciò una dichiarazione che disse che “ci sono state perdite sia nei ranghi dell’unità militare sia nella squadra d’attacco “. Almeno un separatista e un soldato sono morti nei combattimenti.

Escalation degli scontri

Scontri nell’Ucraina Orientale

I militari di Kiev avrebbero ripreso il controllo della città portuale di Mariupol infliggendo gravi perdite agli avversari. Il 12 giugno a Snizhne furono uccisi altri 40 ribelli; a Sverdlovsk uomini armati avrebbero rapito il comandante della polizia cittadina. I miliziani filorussi fecero una strage abbattendo un aereo nei cieli di Lugansk. Si trattava di un aereo cargo con a bordo 49 militari. L’aereo militare ucraino abbattuto, un Il-76, venne colpito da un razzo dei separatisti attorno all’una di notte, proprio durante la discesa verso l’aeroporto, e nessuno dei 40 paracadutisti e dei nove membri dell’equipaggio che erano a bordo è sopravvissuto. Oltre ai soldati, il cargo trasportava armi, viveri ed equipaggiamenti. I miliziani sostengono di aver abbattuto anche un secondo aereo: un cacciabombardiere Su-25 che aveva sparato alle prime ore dell’alba sulla caserma di polizia di Gorlivka, in mano ai filorussi, uccidendo due persone e ferendone sei[14].

Il presidente ucraino Petro Poroshenko ha promesso una “reazione adeguata” e una punizione per “i responsabili”[18]: l’episodio rischiò di far tramontare le deboli speranze di distensione che si erano fatte strada nelle scorse settimane. A Kiev, qualche centinaio di manifestanti si radunò davanti all’ambasciata russa nella serata del giorno prima, e durante la protesta, pietre e una bottiglia molotov vennero lanciate contro l’edificio. L’episodio fu condannato anche dagli Stati Uniti.

I 49 soldati ucraini rimasti uccisi nell’abbattimento del loro aereo, furono commemorati in piazza a Kiev.

La folla raccolta in piazza Maidan chiese al governo di agire con più determinazione nei confronti dei separatisti filorussi delle regioni orientali.

Intanto, il ministro della Difesa di Kiev, Koval, rivelò che nelle ultime 24 ore più di 250 separatisti erano stati uccisi dalle forze di sicurezza[20]. Riguardante quest’ultima battaglia Delgov ha scritto su Twitter : «Le forze di sicurezza ed i neonazisti ucraini utilizzano delle armi proibite contro gli abitanti di Slaviansk, attaccano i rifugi ed uccidono i bambini».

I miliziani delle brigate popolari che combattono contro l’esercito regolare e le milizie ucraine nella regione dissero che le forze ucraine avevano lanciato bombe incendiarie sul villaggio diSemenovka, vicino a Slaviansk, provocando diversi incendi. Testimoni e media locali dissero che le bombe potevano essere al fosforo, arma severamente bandita dall’ONU.

Le autorità di Kiev negarpno che siano state utilizzate bombe incendiarie contro i civili ed anche la Guardia nazionale smentì ufficialmente di aver utilizzato munizioni al fosforo ma i filorussi mostrarono foto e filmati degli attacchi che dimostrerebbero il contrario o almeno, come confermano anche esperti occidentali, qualcosa di molto simile al fosforo bianco[21].

La nave spia della Marina italiana Elettra entrò nel Mar Nero il 15 giugno e da allora conduce operazioni di monitoraggio riguardanti la situazione in Ucraina. La missione venne rivelata nei primi giorni di giugno da fonti russe secondo le quali l’Italia aveva deciso di schierare un’unità «da ricognizione».

La nave, che ha a bordo 100 militari specialisti, ha attraversato lo stretto del Bosforo, dando il cambio all’unità francese Dupuy de Lomè, che ha condotto operazioni di intelligence per alcune settimane nel Mar Nero ed è poi uscita alla fine di maggio[22].

Taglio del gas in Ucraina

Il 16 giugno la compagnia russa fornitrice di gas Gazprom ridusse la quantità di gas veicolata in territorio ucraino per il mancato pagamento di un acconto. Gazprom pretese il pagamento anticipato del gas esportato in Ucraina, dopo che l’azienda nazionale energetica ucraina Naftohaz non aveva pagato a Mosca un anticipo di 1,95 Miliardi di Dollari per saldare il debito accumulato negli anni, pari a circa 4,458 Miliardi di Dollari.

Per quanto riguarda l’accaduto la Russia rifiutò tutte le proposte di mediazione proveniente dall’Unione Europea e dall’Ucraina.

Processi legali

L’Ucraina chiamò in causa la Russia alla Corte di Stoccolma

Offensiva governativa post-tregua

Dopo una settimana di tregua unilaterale dichiarata dal presidente ucraino Petro Poroshenko, le Forze Armate rinnovarono le loro operazioni contro gli insorti il 1º luglio. Bombardamenti si verificarono a Kramatorsk e a Sloviansk, e le forze governative ripresero un passaggio di frontiera a Dolzhansk, uno dei tre principali valichi di frontiera occupati dai separatisti. Le forze governative riconquistarono anche i villaggi di Brusivka e Stary Karavan. Lo stesso giorno, insorti a Luhansk dissero che avevano preso il controllo dell’aeroporto Internazionale di Luhansk.

Il portavoce del Ministero degli Interni Zoryan Shkyriak disse che oltre 1.000 insorti filo-russi erano stati uccisi nel primo giorno successivo alla ripresa delle ostilità. Liga.net, citando una fonte coinvolta con l’operazione di governo militare, riferì che oltre 400 ribelli erano stati uccisi in azione, ma che le cifre più alte segnalate in precedenza potrebbero non essere confermate. I separatisti segnalarono solo due morti nel combattimento a Mykolaivka.

I ribelli attaccarono un posto di frontiera a Novoazovsk il 2 luglio. Durante l’attacco, mortai furono sparati sul posto, e scoppiarono scontri. Una guardia di frontiera fu uccisa nei combattimenti, e altre otto guardie rimasero ferite. Le forze governative riconquistarono la città di Mykolaivka, nei pressi di Sloviansk, il 4 luglio. Un gruppo di militanti affiliati alla DPR disertarono come risultato, e si arruolarono nell’esercito ucraino.

In un ulteriore colpo ai ribelli, le forze governative ripresero la roccaforte di Sloviansk il 5 luglio. Il comandante degli insorti della DPR, Igor Girkin, prese la decisione di arrendersi “a causa della schiacciante superiorità numerica del nemico”, ai sensi del Primo Ministro della DPR Alexander Borodai. Disse che le forze della DPR si erano ritirate a Kramatorsk, ma BBC News riferì che insorti furono visti abbandonare i loro posti di blocco a Kramatorsk. Più tardi quel giorno, Borodai confermò che gli insorti avevano abbandonato “l’intero settore settentrionale”, tra cui Kramatorsk, e si erano ritirati nella città di Donetsk. Dopo la ritirata delle forze di Girkin a Donetsk, assunse il controllo della DPR, sostituendo le precedenti autorità lì in quello che è stato descritto come un “colpo di Stato”.

Successivamente, le Forze Armate dell’Ucraina riconquistarono Druzhkivka, Kostyantynivka, e Artemivsk. Tra la ritirata degli insorti, il sindaco di Donetsk Oleksandr Lukyanchenko disse che almeno 30.000 persone avevano lasciato la città da aprile. In un rapporto separato, le forze ucraine dissero che erano stati avvistati due droni aerei a Mariupol, e che uno di loro era stato abbattuto.

In vista di un’offensiva pubblica, previsto nella città di Donetsk occupata dagli insorti, le strade principali che portano in città furono bloccate il 7 luglio. Gli insorti distrussero i ponti ferroviari sulle strade, provocandone il crollo e bloccando le strade. Il ministro della Difesa Valeriy Heletey dichiarò l’8 luglio che non ci sarebbero stati “mai più tregue unilaterali”, e disse che il dialogo è possibile solo se gli insorti avessero deposto le armi. Più combattimenti scoppiarono nell’aeroporto Internazionale di Luhansk il 9 luglio. Gli insorti affiliati alla LPR dissero che avevano catturato l’aeroporto il 1 ° luglio, ma l’esercito ucraino riuscì a mantenere il controllo su di esso. Più di 10.000 famiglie nell’Oblast di Luhansk sono senza servizio di gas a causa dei danni alle linee di gas, secondo una dichiarazione dell giorno stesso da parte del fornitore regionale di gas.

Scontri presso l’aeroporto internazionale di Donetsk continuarono il 10 luglio. Gli insorti spararono colpi di mortaio nell’aeroporto, e tentarono di riconquistarlo, ma furono respinti dalle forze armate. Le forze ucraine riconquistarono anche la città di Siversk, fatto confermato dagli insorti. Lo stesso giorno, l’amministrazione comunale di Luhansk riferì che sei civili erano stati feriti a causa di ostilità in corso in tutta la città. Ci furono anche segnalazioni di faziosità tra i separatisti, con alcune diserzioni. Secondo questi rapporti, il battaglione Vostok aveva respinto l’autorità di Igor Girkin. Alexander Borodai, Primo Ministro della DPR, ha negato questi rapporti, però, e ha detto che erano bugie.

Pesanti combattimenti continuarono nell’Oblast di Luhansk l’11 luglio. In quel giorno, una colonna militare che viaggiava vicino Rovenky fu attaccata da un razzo Grad autocarro comandato dagli insorti. Un raid aereo lanciato dalle Forze Armate alla fine riuscirono a distruggere il lanciarazzi, ma solo dopo che ventitré soldati erano stati uccisi . In risposta all’attacco, il presidente ucraino Poroshenko disse che “per ogni vita dei nostri soldati, i militanti pagheranno con decine e centinaia dei loro”. Il giorno successivo, l’Aereonautica ucraina ha lanciato attacchi aerei mirati sulle posizioni degli insorti in tutti gli Oblast di Donetsk e di Luhansk. Il governo ucraino disse che 500 ribelli erano stati uccisi in questi attacchi, dichiarati come rappresaglia per l’attacco missilistico separatista del giorno precedente. Quattro persone furono uccise a Marinka, un sobborgo occidentale della città di Donetsk, dopo che i razzi avevano colpito una zona della città tenuta dagli insorti. Il governo ucraino e i separatisti s’incolparono l’un l’altro per l’attacco.

La lotta peggiora nella parte orientale dell’Oblast di Donetsk

Dopo una breve pausa dopo il ritiro dei ribelli dalla parte settentrionale dell’Oblast di Donetsk, il combattimento ha continuato a crescere fortemente nella parte orientale. Scialuppe sbarcarono nella città di confine di Donetsk nell’Oblast di Rostov, una regione della Russia, il 13 luglio. Un civile venne ucciso nel bombardamento. Funzionari russi accusarono le Forze Armate dell’Ucraina per il bombardamento, mentre l’Ucraina ha negato ogni responsabilità e ha accusato gli insorti del Donbass di aver messo in scena un attacco a bandiera falsa. La Russia disse che stava considerando di lanciare attacchi aerei contro obiettivi governativi in Ucraina, come rappresaglia per il bombardamento. [348] le forze ucraine hanno continuato a fare obiettivi intorno Luhansk, che avrebbero terminato il blocco degli insorti dell’aeroporto Internazionale di Luhansk. Funzionari della LPR riconobbero di aver perso trenta uomini durante i combattimenti nel villaggio di Oleksandrivka. La città degli insorti occupata di Snizhne venne colpita da razzi lanciati da un aereo il 15 luglio, lasciando almeno undici morti e distruggendo case multiple. Gli insorti incolparono l’Aereonautica d’Ucraina, ma il governo ucraino ha negato qualsiasi coinvolgimento nell’attacco.

Gli scontri scoppiarono tra insorti e le forze armate lungo il confine con la Russia a Shakhtarsk Raion il 16 luglio. Gli insorti, che si erano rintanati nella città di Stepanivka, avevano fatto un tentativo di sfuggire all’accerchiamento dalle forze governative alle 05:00. Secondo un rapporto della Guardia Nazionale, un posto di blocco nei pressi del villaggio di confine di Marynivka fu attaccato dai ribelli con carri armati, colpi di mortaio e missili anticarro. Il checkpoint è stato bombardato per più di un’ora, causando danni significativi alle infrastrutture a Marynivka. Le Guardie sono riuscite a respingere l’attacco, e costrinsero gli insorti a tornare a Stepanivka, dove i combattimenti continuarono. La battaglia poi sì spostò nel vicino villaggio di Tarany. Almeno undici soldati ucraini sono morti nei combattimenti. I tentativi di formare un “gruppo di contatto” tra gli insorti e il governo ucraino, parte del “piano di pace in quindici punti” del presidente Poroshenko, fallito, lasciò poche speranze di un rinnovato cessate il fuoco. Gli insorti in seguito dissero di aver ripreso con successo Marynivka dalle Forze Armate.

L’esplosione del volo Malaysia Airlines 17

L’aereo della Malaysia Airlines, MH17, venne abbattuto sopra i cieli della zona di guerra. La causa dell’abbattimento sembrava essere un missile terra-aria. Funzionari dei servizi segreti ucraini sostennero di avere le prove di una intercettazione telefonica fra tre separatisti e un funzionario russo, non specificato, in cui viene richiesto di trovare le scatole nere e di eliminare celermente le prove.[25]. Dopo quasi una settimana dall’accaduto il comandante del battaglione Vostok dei separatisti filorussi, Alexander Khodakovsky, in un’intervista alla Reuters, avrebbe ammesso che i separatisti erano in possesso di un sistema missilistico Buk, probabilmente arrivato dalla Russia, che poi fu rimandato indietro per nascondere le prove della sua presenza. La Reuters riportò che Khodakovsky aveva accusato il governo ucraino di aver provocato l’attacco missilistico che aveva distrutto l’aereo malese lanciando raid aerei nell’area pur sapendo che i missili erano in zona. Altri leader separatisti negarono la responsabilità dei filorussi nell’abbattimento dell’aereo malese. La Russia negò qualsiasi coinvolgimento. In seguito Alexander Khodakovsky riferì all’agenzia di stampa russa Life News di essere stato citato erroneamente e di aver semplicemente discusso con la Reuters di “possibili versioni” dell’incidente, affermando anche che i separatisti non hanno e non hanno mai avuto un sistema missilistico Buk.

Il governo spinge a Donetsk e a Luhansk

Pesanti combattimenti ripresero anche intorno all’aeroporto di Donetsk durante la notte, e le esplosioni furono sentite in tutti i quartieri della città. La città cadde tranquillamente entro le ore 09:00 il 19 luglio. Entro il 21 luglio, i combattimenti pesanti a Donetsk erano cominciati di nuovo. Donetsk fu scossa da esplosioni e incendi di armi pesanti facendo salire il fumo sopra la città . Il combattimento si concentrò nei distretti nord-ovest di Kyivsky e Kuibyshevsky, e anche vicino alla stazione ferroviaria e l’aeroporto centrale, portando i residenti locali a cercare rifugio nei rifugi, o di fuggire dalla città. L’approvvigionamento idrico della città venne tagliato durante i combattimenti, e tutto il servizio ferroviario e di autobus si fermò. Le strade si svuotarono, e gli insorti eressero barricate in tutta la città per controllare il traffico. Anche le città di Dzerzhynsk, Soledar, e Rubizhne furono riconquistate dalle forze governative.

Il borgo di Mayorsk, appena fuori Horlivka, e la città di Sievierodonetsk, in Luhansk Oblast, furono ripresi dalle Forze Armate, il 22 luglio. Gli osservatori OSCE in visita a Donetsk dopo gli scontri del giorno precedente dissero che la città era “praticamente deserta”, e che i combattimenti si erano fermati. [374] lo stesso giorno, DPR primo ministro Alexander Borodai ha detto che voleva riprendere i colloqui di cessate il fuoco. Il comandante della DPR Igor Girkin ha anche detto “È giunto il momento in cui la Russia deve prendere una decisione definitiva – di sostenere realmente i russi del Donbass o di abbandonarli per sempre”. Inoltre, un paramilitare pro-ucraino del Battaglione del Donbass è stato catturato a Popasna. Dopo aver ripreso Sievierodonetsk, le forze governative hanno combattuto i ribelli intorno alla città vicina di Lysychansk. Un’autobomba ha ucciso tre soldati insorti durante i combattimenti lì. Lanci di razzi Grad sono stati lanciati contro le forze governative di guarnigione a Vesela Hora, Kamysheve, e anche all’aeroporto Luhansk. Il centro stampa per l’operazione del governo militare ha detto che la situazione è rimasta “più complessa” nelle zone intorno “alle città di Donetsk, Luhansk, Krasnodon e Popasna”. Le forze governative sfondarono il blocco dei ribelli intorno all’aeroporto di Donetsk il 23 luglio, e quindi avanzarono nell’angolo nord-occidentale della città di Donetsk. Successivamente, gli insorti si ritirarono da molte zone alla periferia della città, tra cui Karlivka, Netailove, Pervomaiske, e la zona intorno all’aeroporto di Donetsk. Il comandante degli insorti Igor Girkin ha detto che questo venne fatto per fortificare il centro di Donetsk, e anche per evitare di essere circondato dalle forze governative. Ha anche detto che lui non si aspettava una incursione del governo nel centro di Donetsk. Nel frattempo, gli scontri continuarono a Shakhtarsk Raion, lungo il confine con la Russia. In mezzo al combattimento, due jet da combattimento Su-25 ucraini, che stavano fornendo supporto aereo alle forze di terra vicino Dmytrivka, furono abbattuti dagli insorti.

Il giorno successivo, le forze governative ricatturarono Lysychansk. Lo stesso giorno, la lotta infuriava intorno Horlivka. Le forze governative lanciarono attacchi aerei e di artiglieria sugli insorti all’interno della città, e gli scontri vennero combattuti tutto intorno. Un importante ponte crollò nel combattimento, recidendo un percorso critico fuori città. Le persone fuggirono alla violenza in auto e a piedi. Nonostante questi progressi da parte delle Forze Armate, il confine con la Russia non era assicurato. Izvaryne, posto di frontiera nell’Oblast di Luhansk, che è controllato dall’Armata del Sud-Est, è stato segnalato per essere il principale punto di accesso per le armi e i rinforzi provenienti dalla Russia. Il bombardamento iniziò di nuovo nei distretti di Kyivsky, Kirovsky e Petrivsky della città di Donetsk. Secondo l’amministrazione comunale, undici case furono danneggiate a Petrivsky, e almeno un uomo rimase ferito. I combattimenti continuarono tutta la notte del 26 luglio, con esplosioni, bombardamenti, e lanci sentiti in tutta la città. Il memoriale del monte Savur-Mohyla, nel mese di agosto 2014, è visto pesantemente danneggiato combattendo lì.

Durante il terzo giorno di offensiva del governo sugli insorti, nella roccaforte di Horlivka, tra i venti e i trenta civili vennero uccisi il 27 luglio. Horlivka era praticamente abbandonata, con energia elettrica e acqua tagliate. I bombardamenti danneggiarono o distrussero molti edifici, tra cui un ospedale, un fruttivendolo, e l’ufficio della compagnia energetica. Truppe ucraine entrarono anche nella città di Shakhtarsk, combatterono gli insorti che la occupavano, e li catturarono intorno alle 14:30. Questo tagliò fuori il corridoio di approvvigionamento tra i territori in possesso della DPR e della LPR, isolando i ribelli nella città di Donetsk. Schermaglie avvennero anche nelle città vicine di Snizhne e Torez. Il combattimento intenso in tutta Shakhtarsk Raion costrinse un gruppo di poliziotti olandesi e australiani ad annullare un tentativo di indagare sul luogo dello schianto del Malaysia Airlines Flight 17. Quarantuno soldati ucraini abbandonarono i loro posti e andarono al valico di frontiera d’Izvaryne, controllato dagli insorti, in cui dissero che gli insorti si erano rifiutati di combattere contro il “proprio popolo”. Gli insorti permisero loro di fuggire dall’Ucraina, entrando in Russia. Entro il 28 luglio le alture strategiche di Savur-Mohyla erano sotto controllo ucraino, insieme alla città di Debaltseve. I ribelli avevano utilizzato in precedenza Savur-Mohyla per bombardare le truppe ucraine intorno alla città di Marynivka. Entro il 29 luglio, altri diciassette civili erano stati uccisi nei combattimenti, insieme ad ulteriori quarantatré persone ferite. Il bombardamento proseguì nei distretti di Leninsky e Kyivsky della città di Donetsk. Secondo l’amministrazione comunale, questi quartieri vennero pesantemente danneggiati.

Secondo un rapporto di sicurezza nazionale e del Consiglio della Difesa dell’Ucraina, valichi al confine con la Russia sono stati attaccati dal territorio russo, almeno 153 volte dal 5 giugno. 27 guardie di frontiera sono state uccise in questi attacchi, e 185 sono rimaste ferite. Le forze governative hanno fatto un ulteriore avanzamento il 30 luglio, quando espulsero gli insorti da Avdiivka, vicino all’aeroporto di Donetsk. Le operazioni militari furono sospese il 31 luglio. Questo allo scopo di permettere agli esperti internazionali di esaminare il luogo dello schianto del Malaysia Airlines Flight 17, che si trovava a Shakhtarsk Raion, dove le battaglie più feroci si svolgevano da pochi giorni. I monitor furono scortati al sito dalle Forze Armate dell’Ucraina. Dopo aver combattuto varie linee di trasmissione mozzate,la città di Luhansk perse tutti gli accessi alla rete elettrica. Poco carburante rimase ai generatori di potenza di emergenza. Schermaglie minori si verificarono a Vasylivka e a Zhovtneve. Nel frattempo, i colloqui tra i separatisti, la Russia, l’Ucraina, e l’OSCE si svolsero a Minsk. I combattimenti continuarono a Shakhtarsk. Un agguato da parte dei ribelli contro le forze governative provocò la morte di dieci soldati, undici dispersi e tredici feriti. Un’offensiva del governo sulla città di Pervomaisk nell’Oblast di Luhansk continuò.

Dopo una serie di sconfitte militari, Igor Girkin, comandante degli insorti per la DPR, sollecitò l’intervento militare russo, e disse che l’inesperienza di combattimento delle sue forze irregolari, con la difficoltà di reclutamento tra la popolazione locale nell’Oblast di Donetsk aveva causato le battute d’arresto. Si rivolse al presidente russo Vladimir Putin, dicendo che “perdere questa guerra sul territorio che il presidente Vladimir Putin ha nominato personalmente Nuova Russia minaccerebbe il potere del Cremlino e, personalmente, il potere del presidente”. Le forze governative circondarono Luhansk e Donetsk il 3 agosto. Un certo numero di civili furono uccisi in combattimenti in entrambe le città. Luhansk venne segnalata per essere “virtualmente circondata”, con poca energia elettrica o di fornitura d’acqua a disposizione. La situazione nella città di Donetsk era meno terribile, dato che i treni per la Russia erano ancora in funzione, ma la lotta e i bombardamenti non cedevano. Secondo le Forze Armate, i tre quarti del territorio, una volta in possesso degli insorti erano stati riconquistati. Dissero anche che avevano completamente tagliato le linee di rifornimento tra la DPR e la LPR, dopo più di una settimana di combattimenti a Shakhtarsk Raion.

Dopo una lunga battaglia, le forze armate riconquistarono la città vitale di Yasynuvata il 4 agosto. Almeno cinque soldati sono morti nei combattimenti per catturare la città, che è un nodo ferroviario strategico sulla strada principale tra Donetsk e Luhansk. I paramilitari dei battaglioni filo-governativi “Azov” e “Shakhtarsk” dissero che erano avanzati nella città di Donetsk, e avevano cominciato a “liberarla”. [408] Il governo ucraino disse che tutti i civili avrebbero dovuto evacuare da Donetsk, e rilasciarono dichiarazioni chiedendo che le forze della DPR e della LPR contribuiscano alla creazione di “corridoi umanitari” per permettere ai civili a Donetsk, Luhansk e Horlivka di fuggire. Commentando la situazione a Luhansk, il sindaco Sergej Kravchenko ha detto che “come risultato degli attacchi del blocco e dei razzi incessanti, la città è sull’orlo di una catastrofe umanitaria”.

Mentre le truppe governative entrarono a Donetsk il 5 agosto, pesanti combattimenti scoppiarono alle 17:00 nel distretto Petrivsky della città. Altrove, insorti riconquistarono la città di Yasynuvata dopo un ritiro dalle forze governative. Un portavoce del Consiglio di Sicurezza e di Difesa Nazionale dell’Ucraina disse che le Forze Armate hanno lasciato la città per evitare di danneggiare la “popolazione pacifica”, e che la città era stata evacuata in modo che potesse essere “completamente liberata”. Egli disse anche che la stazione ferroviaria rimase sotto il controllo del governo, e che tutto il traffico ferroviario era stato bloccato. I combattimenti tra ribelli e forze governative in tutta la regione del Donbass continuarono “costantemente” nel corso della giornata.

Combattimenti e bombardamenti continuarono intorno a Donetsk l’8 agosto, con diversi civili uccisi o feriti. Il 9 agosto il comandante degli insorti Igor Girkin disse che Donetsk era stata “completamente circondata” dalle forze governative. A questo seguì la conquista della vitale città di Krasnyi Luch da parte del governo, dopo che i cosacchi ribelli di stanza lì fuggirono. Ulteriori scontri tra insorti e le forze armate si svolsero a Mnohopillia, Stepanivka, Hryhorivka, Krasny Yar, Pobeda, Shyshkove, Komyshne, Novohannivka, Krasna Talivka, Dmytrivka, Sabivka, e nell’aeroporto di Luhansk. Durante la notte del 10 agosto le forze governative lanciarono uno sbarramento di artiglieria sulla città di Donetsk, causando “danni enormi” su di essa. Secondo un portavoce delle Forze Armate, gli insorti cominciarono a fuggire dalla città attraverso il confine, ed erano in uno stato di “panico e caos”. Gli ospedali e gli edifici residenziali furono gravemente danneggiati, e molti residenti rimasti si rifugiarono nelle cantine. Le città di Pervomaisk, Kalynove, Komyshuvakha, nella parte occidentale dell’Oblast di Luhansk vicino Popasna, vennero conquistate dalle forze governative il 12 agosto, dopo pesanti combattimenti. Il pesante bombardamento di Donetsk continuò fino al 14 agosto. Durante questo sbarramento di artiglieria, Igor Girkin si è dimesso dal suo incarico di comandante delle forze ribelli della Repubblica Popolare di Donetsk. Egli fu sostituito da Vladimir Kononov, che è conosciuto con il nome di battaglia “Zar”.

Nel corso della giornata, un convoglio di circa due dozzine di corazzati da trasporto truppa e altri veicoli con targhe militari russe ufficiali entrarono in Ucraina, vicino al valico di frontiera d’Izvaryne controllato dagli insorti. Il segretario generale della Nato Anders Fogh Rasmussen ha confermato che un “incursione russa” si stava verificando in Ucraina. Il presidente ucraino Petro Poroshenko disse che l’artiglieria ucraina venne impegnata e distrusse una “parte significativa” della colonna corazzata. Il ministero della Difesa della Russia ha negato l’esistenza di un tale convoglio. In seguito a questo incidente, il primo ministro appena nominato della DPR Alexander Zakharchenko disse che le sue forze includevano 1.200 combattenti russi addestrati.

Un jet da combattimento Mig-29 dell’Aereonautica ucraina venne abbattuto dagli insorti nell’Oblast di Luhansk il 17 agosto. Dieci civili sono stati uccisi durante il bombardamento continuo a Donetsk. La città occupata dagli insorti di Horlivka fu circondata dalle forze armate il 18 agosto. Le forze governative avanzarono anche ai confini della città di Luhansk. Un convoglio di rifugiati provenienti da Luhansk venne colpito da razzi Grad vicino al villaggio di Novosvitlivka. Decine di civili morirono nell’attacco, che il Consiglio di Sicurezza e di Difesa Nazionale dell’Ucraina fa ricadere sui ribelli. I ribelli hanno negato di aver attaccato eventuali convogli di profughi. Il premier della DPR Aleksandr Zakharchenko ha dichiarato che se il governo ucraino avesse fatto “proposte ragionevoli per deporre le armi, chiudere le frontiere, parleremo a parità di condizioni come partner alla pari”. Ha aggiunto, tuttavia, che il governo “ci deve riconoscere come uno stato, dato che ora è già possibile richiedere un certo grado di autonomia”.

Dopo essere entrati nella città di Luhansk il 18 agosto, le forze governative cominciarono ad avanzare attraverso il “blocco per blocco” della città il 19 agosto. Il combattimento fu sentito nelle strade in tutta la città, e il bombardamento di molti distretti occupati dai ribelli continuò. Ci furono combattimenti anche a Makiivka e a Ilovaisk, due città appena fuori della città di Donetsk. Un portavoce del ministero degli Interni ha detto che le forze governative avevano “liberato” Ilovaisk dagli insorti, e poi catturato gran parte della città. Anche la sede della DPR nella città di Donetsk venne bombardata. I combattimenti in tutto l’Oblast di Donetsk il 19 agosto hanno provocato la morte di 34 civili. Nella prima serata del 20 agosto, le forze governative dichiararono di aver ripreso “parti significative” della città di Luhansk, dopo una serie di battaglie in esecuzione nelle strade per tutto il giorno.

Controffensiva di agosto delle forze pro-russe

Entro il 25 agosto, la contro-offensiva degli insorti aveva bloccato l’offensiva del governo sulle città di Donetsk e di Luhansk. Gli insorti attaccarono le posizioni del governo a Shchastya e lungo il fiume Seversky Donets nell’Oblast di Luhansk. Come avvenne questo attacco, gli insorti a Luhansk ricevettero rinforzi. Le forze governative vicino Ilovaisk e Amvrosiivka nell’Oblast di Donetsk vennero circondate dai ribelli, dopo che il loro tentativo di prendere Ilovaisk venne arrestato da pesanti bombardamenti. Il filo-governativo Battaglione Volontari del Donbass, intrappolato in città per giorni dagli insorti, accusò il governo ucraino e le forze armate di “averli abbandonati”. Altri battaglioni di volontari, come ad esempio l’Azov e il Dnipro, lasciarono Ilovaisk dopo aver incontrato resistenza pesante. Il Leader del Battaglione del Donbass Semen Semenchenko dichiarò: “Penso che sia vantaggioso per il ministero della Difesa di non inviare aiuti, per raggiungere una situazione in cui battaglioni di volontari iniziino ad accusarsi a vicenda su chi ha aiutato chi”.

Le forze della DPR dichiararono la loro intenzione di “combattere la loro strada verso il Mar d’Azov” il 23 agosto. In linea con questa affermazione, uno sbarramento d’artiglieria piovve sulla città costiera di Novoazovsk, nel sud dell’Oblast di Donetsk. Una colonna di veicoli blindati entrò in Ucraina dalla Russia vicino Novoazovsk il 25 agosto. Non ci furono formazioni di insorti entro 30 chilometri (18 e 2/3 miglia) di questa zona per molte settimane. Pesanti combattimenti ebbero luogo nel villaggio di Markyne, 7 chilometri (4 e 1/4 miglia) da Novoazovsk. I ribelli usarono il villaggio per bombardare Novoazovsk. Un portavoce del Consiglio di Sicurezza e di Difesa Nazionale dell’Ucraina ha detto che l’ingresso della colonna in Ucraina è stato un tentativo “da parte dei militari russi in veste di combattenti del Donbass per aprire una nuova area di confronto militare “. Secondo il sito web della città di Mariupol, i battaglioni Dnipro e Donbas respinsero l’attacco, e gli “invasori” si ritirarono verso il confine. Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha detto che non era a conoscenza dell’incidente, e ha suggerito che i rapporti dell’incidente su una incursione da parte delle forze russe erano “disinformazione”. Direttamente prima della comparsa della colonna, l’area era stata pesantemente bombardata. Le più vicine posizioni di artiglieria degli insorti erano oltre la portata di questo settore.

Gli abitanti dei villaggi da Kolosky a Starobesheve Raion dissero alla Reuters che uomini militari con accenti russi e senza insegne identificative erano apparsi in paese durante il fine settimana tra il 23 e il 24 agosto. Essi sistemarono un posto di blocco nei pressi del villaggio. Gli uomini indossavano bracciali distintivi bianchi. Gli abitanti del villaggio li chiamavano “uomini educati verdi”, un termine che era usato per riferirsi alle forze russe irregolari che presero il controllo della Crimea dal febbraio del 2014. A seguito della comparsa di questi uomini, dieci soldati in uniformi militari verdi con bracciali bianchi furono arrestati dalle forze ucraine a Dzerkalne. Questo villaggio si trova a nord di Novoazovosk, 7 chilometri (4 e 1/4 miglia) da Kolosky, e circa 20 chilometri (12 miglia) dal confine russo. L’esercito russo ha confermato che questi uomini erano paracadutisti russi, e che erano stati catturati. Il ministero della Difesa della Russia ha detto che gli uomini erano entrati in Ucraina “per errore durante un esercizio”. Il servizio di sicurezza dell’Ucraina (SBU) ha pubblicato video che dissero essere interviste con i soldati russi prigionieri. In uno dei video, un soldato disse che i loro comandanti li avevano mandati a marciare per 70 chilometri (43 e 1/2 mi), “senza spiegarne lo scopo o avvertendo che sarebbero entrati in territorio ucraino, dove vennero fermati dalle forze ucraine e si arresero senza combattere”.

I ribelli fecero pressione a Novoazovsk il 27 agosto. Mentre il governo ucraino disse che erano in “controllo totale” di Novoazovsk, il sindaco della città Oleg Sidorkin confermò che i ribelli l’avevano conquistata. Egli disse anche che “decine” di carri armati e veicoli blindati erano stati usato dagli insorti nel loro assalto alla città. Almeno quattro civili sono stati feriti dai bombardamenti degli insorti. A nord, vicino a Starobesheve, le forze ucraine dissero di aver avvistato una colonna di 100 veicoli blindati, carri armati e lanciarazzi Grad che si stava dirigendo a sud, verso Novoazovsk. Dissero questi veicoli erano segnati con “cerchi bianchi o triangoli”, simili ai bracciali bianchi visti sui paracadutisti russi catturati all’inizio della settimana. In mezzo alla pressione su questo nuovo terzo fronte, le forze governative si ritirarono verso ovest verso Mariupol. Evacuarono la città di Starobesheve, tra le altre zone nel tratto di confine di 75 chilometri (47 miglia) dal Mare di Azov ai territori esistenti tenuti dai ribelli. Un rapporto del New York Times ha descritto i soldati in ritirata come “esausti, sporchi e sgomenti”. Funzionari occidentali descrissero le nuove azioni ribelli come “un’invasione stealth” da parte della Federazione russa, di cui carri armati, artiglieria e fanteria sarebbero entrati in Ucraina dal territorio russo. Il portavoce del Dipartimento di Stato Jen Psaki disse che “queste incursioni indicano una controffensiva diretta dai russi probabilmente in corso”, e il presidente ucraino Petro Poroshenko disse che “l’invasione delle forze russe ha avuto luogo”. Una dichiarazione dal Consiglio di Sicurezza e di Difesa Nazionale dell’Ucraina (NSDC) poi disse che Novoazovsk era stata conquistata da “truppe russe”, nonostante le smentite precedenti da parte del governo ucraino. Secondo il NSDC, le truppe ucraine si ritirarono da Novoazovsk per salvare vite umane, e dovettero invece preparare le difese a Mariupol. Nel frattempo, la lotta continua dentro e intorno alla città di Donetsk. Bombardamenti caddero sul quartiere Kalininsky di Donetsk, e il Battaglione del Donbass continuò a combattere contro gli insorti che l’avevano intrappolato ad Ilovaisk per giorni. Il comandante della NATO Briga. Gen. Nico Tak ha detto il 28 agosto che “ben oltre” 1.000 soldati russi operavano nella zona del conflitto nel Donbass. In mezzo a quello che il New York Times ha definito “caos” nella zona del conflitto, gli insorti ri-conquistarono Savur- Mohyla.

Nonostante questi progressi da parte delle forze filo-russe, la Guardia Nazionale Ucraina riprese temporaneamente la città di Komsomolske e di Starobesheve Raion nell’Oblast di Donetsk il 29 agosto. Tuttavia, due giorni dopo, le forze ucraine si ritirarono dalla città, e Komsomolske venne ripresa ancora una volta dalle forze della DPR. Altrove, le forze ucraine si ritirarono da Novosvitlivka dopo essere stati attaccati da quelli che dissero essere “carri armati russi”. Dissero che ogni casa nel villaggio era distrutta. L’intrappolato Battaglione del Donbass si ritirò da Ilovaisk il 30 agosto dopo aver negoziato un accordo con le forze filo-russe. Secondo alcuni dei soldati che si sono ritirati da Ilovaisk, le forze della DPR violarono l’accordo e spararono su di loro, mentre si ritiravano sotto bandiere bianche, uccidendo ben diverse decine di soldati.

Una motovedetta ucraina nel Mar d’Azov è stato colpita dal fuoco di artiglieria costiera il 31 agosto. Otto marinai furono salvati dalla barca che affondava, mentre due membri dell’equipaggio vennero dispersi. L’ex comandante dei ribelli Igor Girkin disse che gli insorti hanno “inflitto al nemico la loro prima sconfitta navale”. Le forze governative si ritirarono dall’Aeroporto Internazionale di Lugansk il 1 ° settembre, pur avendo difeso l’aeroporto dagli attacchi dei ribelli nelle settimane precedenti. L’aeroporto vide aspri combattimenti la notte prima del ritiro, e funzionari ucraini dissero che le loro forze presso l’aeroporto erano stati attaccati da una colonna di carri armati russi. Gli scontri continuarono all’aeroporto Internazionale di Donetsk. Pesanti combattimenti vennero osservati da osservatori dell’OSCE vicino ai villaggi di Shyrokyne e Bezimenne il 4 settembre. Rispettivamente, questi villaggi sono a 24 km (15 miglia) e 34 chilometri (21 miglia) ad est di Mariupol. Funzionari ucraini di Mariupol dissero che la situazione “sta peggiorando di ora in ora”, e che c’era un pericolo imminente di un attacco alla città. Le forze della DPR arrivarono in un raggio di 5 chilometri (3 miglia) dalla città il 4 settembre , ma la loro avanzata fu respinta da un contrattacco notturno lanciato dalle Forze Armate e dal Battaglione Azov. Essi furono respinti circa 20 chilometri (12 1/2 km) a est della città. Bombardamenti costanti vennero sentiti nella periferia di Mariupol.

Tregua di settembre

Dopo giorni di colloqui di pace a Minsk sotto gli auspici dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE), l’Ucraina, la Russia, la DPR, e la LPR hanno concordato una tregua il 5 settembre. Gli osservatori dell’OSCE hanno detto che avrebbero osservato il cessate il fuoco, e assistito il governo ucraino nella sua attuazione.Secondo il New York Times, l’accordo è una replica “quasi testuale” del “piano di pace quindici punti” fallito in giugno del presidente ucraino Petro Poroshenko. Si è convenuto che ci sarebbe stato uno scambio di tutti i prigionieri presi da entrambe le parti, e che le armi pesanti devono essere rimosse dalla zona di combattimento. I corridoi umanitari sono destinati ad essere mantenuti, in modo che i civili possano lasciare le zone colpite. Il presidente Poroshenko ha detto che agli Oblast di Donetsk e di Luhansk sarebbe stata concessa maggiore autonomia, e che l’uso della lingua russa in queste aree sarebbe stata protetta dalla legge. I leader della DPR e della LPR hanno detto che mantenevano il loro desiderio di piena indipendenza da Ucraina, nonostante queste concessioni. Il presidente russo Vladimir Putin e il presidente ucraino Poroshenko hanno discusso il cessate il fuoco il 6 settembre. Entrambe le parti hanno detto di essere soddisfatte per il cessate il fuoco, e che questo era generalmente posseduto.

Il cessate il fuoco è stato rotto più volte nella notte del 6-7 settembre e nella giornata del 7 settembre. Bombardamenti pesanti degli insorti sono stati segnalati nella periferia orientale di Mariupol, e gli osservatori dell’OSCE hanno detto che il governo ucraino aveva sparato razzi dall’aeroporto Internazionale di Donetsk. Nonostante questo, gli osservatori dell’OSCE hanno detto che queste violazioni dell’accordo non causerebbero il termine della tregua.

 

Insorti filo-russi

Donetsk, 9 maggio 2014

Igor Girkin, che comandava la Milizia Popolare del Donbass a Sloviansk, ha negato il coinvolgimento russo nella rivolta. Disse che la sua unità venne formata durante la crisi di Crimea, e che i due terzi dei suoi membri erano cittadini ucraini. Girkin ha anche detto che gli insorti di Sloviansk avevano accettato di lavorare con la leadership della Repubblica Popolare di Donetsk, nonostante qualche conflitto tra gruppi di ribelli. Secondo un portavoce della Repubblica, i militanti che hanno occupato Sloviansk erano “un gruppo indipendente […] che sostengono la protesta di Donetsk “, mentre gli insorti a Sloviansk e Kramatorsk si sono identificati come membri della Milizia Popolare del Donbass di Pavel Gubarev.

Le forze del Gruppo a Sloviansk includono alcuni soldati professionisti tra le loro fila, così come veterani in pensione, civili e volontari, mentre quelli a Donetsk hanno confermato d’includere gli ex ufficiali della polizia speciale Berkut. Quando venne chiesto dal Telegraph Sunday da dove provenissero le armi, un veterano dell’invasione sovietica dell’Afghanistan indicò la bandiera russa sventolante sulla stazione di polizia e disse: “Guarda quella bandiera. Voi sapete che paese rappresenta”. Un comandante degli insorti a Donetsk, Pavel Paramonov, disse ai giornalisti che proveniva da Tula Oblast in Russia. A Horlivka, la polizia che aveva disertato era comandata da un tenente colonnello dell’esercito russo, in seguito identificato come Igor Bezler. Il veterano militare sovietico Vyacheslav Ponomarev, che si è dichiarato sindaco di Sloviansk, ha detto di aver fatto appello ai vecchi amici militari a prendere parte nella milizia: “Quando ho chiamato i miei amici, quasi tutti dei quali sono ex militari, sono venuti in nostro soccorso, non solo dalla Russia, ma anche dalla Bielorussia, dal Kazakistan e dalla Moldova “.

Un ex militante separatista ha confermato queste storie in un’intervista a Radio Free Europe. Ha detto che i combattenti, tra cui alcune unità cosacche, arrivavano ​​dalla Russia per sostenere i separatisti. Un’altra intervista con un insorto da San Pietroburgo è stata pubblicato su Gazeta. Egli ha affermato di combattere volontariamente come parte del “Movimento imperialista russa”.

Donetsk, 20 settembre 2014

Alla fine di luglio, il supporto locale per la milizia nella città di Donetsk è stato stimato essere del 70% da un imprenditore locale, intervistato da Die Welt.

Armata del Sud-Est

L’Armata del Sud-Est (russo: Армия Юго-Востока, Armiya Yugo-Vostoka) è un gruppo militante filo-russo che ha occupato gli edifici nell’Oblast di Luhansk. Secondo The Guardian, il suo personale include ex membri della sciolta polizia speciale Berkut. Essi sono affiliati con la Repubblica Popolare di Lugansk.

Armata Ortodossa Russa

L’Armata Ortodossa Russa (russo: Русская православная армия, Russkaya pravoslavnaya Armiya) è un gruppo di ribelli filo-russi in Ucraina che venne fondata nel maggio 2014, come parte della rivolta.

Come riferito ha avuto 100 membri, al momento della sua fondazione, compresi i locali e volontari russi. Durante gli scontri cruenti tra i separatisti e il governo ucraino nel Donbass, la loro appartenenza è salita a 350, e poi 4000. Gli impegni notevoli del ROA includono le schermaglie di giugno 2014 a Mariupol e Amvrosiivka Raion. La sede del ROA è situato nella sede occupata del Servizio di Sicurezza dell’Ucraina (SBU) nella città di Donetsk. Essi giurarono fedeltà a Igor Girkin, insorto e ministro della difesa della auto-proclamata Repubblica Popolare di Donetsk. Secondo il Ministero della Difesa dell’Ucraina, il ROA è in conflitto con un’altra milizia filo-russa, il battaglione Vostok, che ha accusato il ROA di saccheggi, ed evita di combatterci assieme.

Battaglione Vostok

Il battaglione Vostok (in russo: Батальон Восток, ucraino: Батальйон Схід; let. “Battaglione Est”) venne costituito all’inizio di maggio 2014. È comandato da Alexander Khodakovsky, un disertore dal Servizio di Sicurezza dell’Ucraina. Khodakovsky è il capo del servizio di sicurezza della DPR, e delle forze patriottiche del Donbass, un battaglione insorto.

Secondo testimonianze, il Vostok include membri del battaglione Vostok originale, un’unità di forze speciali della Direzione dell’intelligence russa (GRU), che ha partecipato alla Seconda guerra cecena ed alla guerra russo-georgiana. Il battaglione originale venne costituito nel 2009 in un ministero della Difesa come unità di riserva che si basa in Cecenia. Khodakovsky ha detto che aveva circa 1.000 uomini a sua disposizione, e che più “volontari” con esperienza nel settore della sicurezza russa sono stati tenuti a unirsi al battaglione. Un rapporto di Radio Free Europe ha detto che ci sono stati sospetti che il battaglione sia stato creato direttamente dal GRU, o che è stato almeno autorizzato da esso. Il battaglione include combattenti sia dalla Russia sia dall’Ucraina. Un rapporto della BBC News ha detto che il battaglione era composto in gran parte di gente del posto non addestrata dall’Ucraina orientale, con una infarinatura di volontari russi. Un certo numero di insorti del Vostok sono stati uccisi nella battaglia dell’aeroporto di Donetsk. Trenta corpi sono stati rimpatriati in Russia dopo i combattimenti. Alcuni membri hanno detto che hanno ricevuto stipendi di 100 dollari a settimana, anche se sostenevano di essere solo volontari.

Gruppi stranieri

Cosacchi

Alcuni volontari cosacchi anticonformisti, in particolare i cosacchi del Don che vivono su entrambi i lati del confine, sono partecipanti alla guerra, [542] insieme ad alcuni sedicenti gruppi neo-cosacchi. Molti di questi cosacchi hanno formato un’unità paramilitare denominata ‘Terek Sotnia Lupi’, un riferimento a un distaccamento di cosacchi bianchi emigrati che combatté contro l’Unione Sovietica durante la seconda guerra mondiale. Combattenti di spicco includono Alexander “Boogeyman” Mozhaev (un veterano militare russo da Belorechensk) e il comandante dell’unità, Evgeny Ponomarev.

Anche se alle unità cosacche è stato vietato di attraversare il confine russo in Ucraina in massa, le accuse sono state che gli elementi russi tacitamente supportano i singoli combattenti ad attraversare il confine con l’Ucraina. I cosacchi sostengono che è la loro fede nella fratellanza cosacca, l’imperialismo russo, e la Chiesa ortodossa russa, che li ha spinti a prendere parte alla rivolta, con l’obiettivo di conquistare ciò che essi percepiscono come “terre storicamente russe”. Il 20 maggio, Mozhaev ha pubblicato un video rivolgendosi a Vladimir Putin per aprire un corridoio di terra alla Russia per consentire rinforzi in quella che ha definito una “guerra sacra”. Mozhaev inoltre ha affermato che alcune delle opinioni più estreme dei cosacchi includono distruggere “i massoni ebrei”, che essi sostengono “fomentano il disordine in tutto il mondo” e “causando sofferenza a noi, la gente comune cristiano-ortodossa”. Il 25 maggio, il SBU ha arrestato tredici cosacchi russi a Luhansk.

Gruppi armati del Caucaso e dell’Asia Centrale

Il ministero degli Esteri d’Ucraina ha detto che la presenza di soldati stranieri è pari ad una “aggressione palese” dalla Russia, e “l’esportazione del terrorismo russo per il nostro paese”. “Ci sono motivi per affermare che i terroristi russi incanalati al territorio dell’Ucraina vengano organizzati e finanziati attraverso il controllo diretto del Cremlino e delle forze speciali russe”, ha detto il ministero. Ad oggi, le relazioni e le interviste hanno dimostrato la presenza di ceceni, Osseti, tagiki, afgani, armeni, e varie forze paramilitari russe che operano in Ucraina.

Paramilitari ceceni

Paramilitari ceceni sono stati avvistati a Sloviansk il 5 maggio 2014. Il presidente ceceno Ramzan Kadyrov ha minacciato il 7 maggio che avrebbe inviato decine di migliaia di ceceni “volontari” per l’Ucraina meridionale e orientale se la “giunta” a Kiev avesse continuato la sua “operazione punitiva”. È stato riferito che Kadyrov è impegnato in una campagna di reclutamento aggressivo in Cecenia per questa operazione, e che ci sono stati centri di reclutamento per essa a Grozny, Achkhoy-Martan, Znamenskoye, e Gudermes. “. Kavkazcenter, il sito ufficiale della guerriglia islamica del Caucaso del Nord, ha riferito che le autorità cecene avevano aperto uffici di reclutamento per i “volontari” che desideravano combattere in Ucraina, e che tali uffici erano stati improvvisamente chiusi.

Cinque camion hanno attraversato la frontiera tra Ucraina e Russia trasportando i militanti a bordo il 24 maggio, con alcuni rapporti che suggeriscono che tra i militanti ceceni ci fossero soldati veterani. Il giorno seguente, il battaglione Vostok arrivò a Donetsk in un convoglio di otto camion, ognuno riempito con venti soldati. Molti dei soldati sembravano ceceni, parlavano la lingua cecena, e dicevano di essere dalla Cecenia. Due ribelli hanno detto ai giornalisti della CNN che questi erano volontari ceceni.

Ramzan Kadyrov ha negato la conoscenza della presenza delle truppe cecene in Ucraina, ma un comandante separatista in seguito ha confermato che i ceceni e militanti di altre etnie combattevano per la Milizia Popolare di Donetsk. In seguito alla battaglia dell’aeroporto di Donetsk, le autorità locali hanno detto che alcuni militanti feriti erano ceceni provenienti da Grozny e Gudermes. Un residente di Donetsk ha detto che la presenza di combattenti ceceni ha mostrato “che questa guerra non è pulita. Viene creata artificialmente. Se questa è una rivolta da parte della Repubblica Popolare Donetsk, che cosa stanno facendo gli stranieri qui?”

Militanti ceceni intervistati dal Financial Times e Vice News ha detto che sono diventati coinvolti nel conflitto per ordine del presidente ceceno. Il presidente Kadyrov ha fortemente negato queste relazioni il 1 ° giugno. Nella sua dichiarazione, ha detto che c’erano “74.000 ceceni disposti ad andare a mettere ordine nel territorio dell’Ucraina”, e che non li avrebbe mandati a Donetsk, ma a Kiev.

Paramilitari abkazi ed osseti

A partire dal 4 maggio 2014, il Partito Ossezia Unita e la filo-russa Unione dei Paracadutisti dell’evasa Repubblica dell’Ossezia del Sud hanno annunciato una campagna di assunzione destinata a inviare i veterani del conflitto georgiano-osseto a proteggere “la popolazione pacifica del sud-est dell’Ucraina”. Alcuni video rilasciati da un gruppo militante osseto indicavano che operavano a Donetsk. Insorti del Donbass intervistati, il 27 maggio hanno ammesso che ci sono stati sedici combattenti dell’Ossezia operativi intorno Donetsk almeno due mesi prima. Il capo della Guardia di frontiera ucraina Mykola Lytvyn ha detto che le relazioni dei funzionari indicavano anche la presenza di militanti Abkhazi. I militanti dell’Ossezia del Nord e del Sud erano aperti circa la loro presenza nel Donbass nel mese di giugno. Un militante di nome Oleg, appartenente del battaglione Vostok, ha detto ai giornalisti “Nel 2008 stavano uccidendo noi e i russi ci hanno salvati. Sono venuto qui per pagare i miei debiti a loro”.

Altri

Ci sono rapporti che volontari provenienti da Francia, Germania, Italia, Polonia, Romania, Serbia, Spagna e Turchia hanno combattuto sul lato degli insorti. Ci sono almeno 100 volontari serbi che combattono dalla parte delle forze pro-russe in Ucraina, di cui 45 membri del movimento Cetnico.

Forze contro-rivoluzionarie

Forze Armate d’Ucraina

Le Forze Armate d’Ucraina sono la forza militare primaria dell’Ucraina, e hanno assunto un ruolo di primo piano nel contrastare l’insurrezione nel Donbass.

Guardia Nazionale d’Ucraina

La Guardia Nazionale d’Ucraina è stata ripristinata il 13 marzo 2014, in mezzo alle crescenti tensioni in Ucraina durante la crisi di Crimea. Si tratta di un componente di riserva delle Forze Armate dell’Ucraina, e una forza di fanteria leggera. Questo è in contrasto con la vecchia Guardia Nazionale, che era una forza di fanteria meccanizzata.

Ministero degli Interni

Il ministero degli Interni è comunemente conosciuto come la militsiya, ed è la forza di polizia primaria in Ucraina. È guidata dal Ministro degli Interni, Arsen Avakov, una figura chiave nel condurre le operazioni contro-insurrezionali nel Donbass.

Paramilitari pro-governativi

Diversi paramilitari pro-ucraini, chiamati “battaglioni di difesa territoriale”, sono state formati, e hanno combattuto contro la Milizia Popolare del Donbass e altri gruppi di insorti. Queste forze comprendono il Battaglione del Donbass, il Battaglione Azov, il Battaglione Kharkiv, e la milizia di Oleh Lyashko.

Alcuni Italiani militerebbero nelle formazioni di matrice neo-nazista  tra cui Francesco Saverio Fontana alias “Stan”, volontario italiano del battaglione «Azov» e militante di CasaPound eAvanguardia Nazionale

Dopo aver sconfitto i separatisti lì, la città di Shchastya nell’Oblast di Luhansk fu occupata dal Battaglione Aidar il 9 luglio. Mentre era alle dipendenze del Ministero della Difesa, il battaglione ha preso il controllo della città, nello stesso modo che i separatisti avevano fatto in precedenza. Un’altra unità paramilitare, il Battaglione Azov, è allineato con il gruppo ultranazionalista di estrema destra Assemblea Social-Nazionale. “Più della metà dei combattenti del battaglione sono di lingua russa dell’Ucraina orientale.” Il Ministero degli Interni ha smentito che i cittadini stranieri stiano combattendo nel Battaglione Azov, anche se un uomo che si fa chiamare “Mikael Skillt”, ha detto ad un giornalista della BBC al telefono che era un cecchino svedese in servizio nel battaglione Azov. Secondo il rapporto della BBC, il signor Skillt ha detto che “ci sono solo una manciata di combattenti stranieri nel battaglione Azov e che non vengono pagati”. Al-Jazeera ha intervistato un volontario canadese combattente con il battaglione Azov, e ha riferito che “l’ideologia del battaglione è allineata con gli altri gruppi social-nazionalisti di estrema destra ed ha attirato volontari delle organizzazioni in Svezia, Italia, Francia, Canadae Russia “.

Il ministero degli Esteri russo ha chiesto ai governi di Svezia, Finlandia, Stati baltici, e Francia di condurre un’indagine approfondita nei rapporti di mercenari dai loro paesi che servono nelle forze ucraine, a seguito di una storia mostrata nel quotidiano italiano Il Giornale.

Il gruppo ultra-nazionalista Settore Destro ha il suo battaglione di volontari che si batte contro i separatisti. Ha perso dodici combattenti quando ci fu un’imboscata fuori Donetsk nel mese di agosto 2014. Il leader di settore destro Dmytro Yarosh ha promesso che il suo gruppo ne avrebbe vendicato la morte.

Coinvolgimento russo

Dopo l’annessione della Crimea, la Russia è intervenuta in diversi modi durante la guerra nella regione del Donbass. Rapporti e dichiarazioni del Dipartimento di Stato USA hanno accusato ripetutamente la Russia di aver orchestrato i disordini in aprile in tutta l’Ucraina orientale e meridionale. La Russia ha negato queste relazioni. Come l’agitazione sfociò in una guerra negli Oblast di Donetsk e Luhansk, la Russia inviò armi in dotazione, veicoli blindati, carri armati e altre attrezzature per le forze della DPR e della LPR. Un numero significativo di cittadini russi e militari hanno combattuto nella guerra come “volontari”, qualcosa che i leader della DPR e della LPR hanno ammesso. Il reclutamento per i gruppi di insorti nel Donbass viene eseguito apertamente nelle città russe, con servizi privati ​​e militari. Questo è culminato il 25 agosto, quando il Servizio di Sicurezza dell’Ucraina (SBU) ha detto di aver catturato un gruppo di paracadutisti russi in territorio ucraino. La SBU ha pubblicato le loro fotografie, e i loro nomi. Il giorno seguente, il Ministero della Difesa russo ha detto che questi soldati hanno attraversato il confine “per caso”.

Un nuovo fronte nella guerra è stato inaugurato il 27 agosto. Grandi quantità di attrezzature militari e truppe hanno attraversato il confine dalla Russia nel sud dell’Oblast di Donetsk, un’area precedentemente controllata dal governo ucraino. Funzionari occidentali descrivono questa nuova offensiva come una “invasione furtiva” dalla Federazione Russa. Il portavoce del Dipartimento di Stato Jen Psaki ha detto che “queste incursioni indicano una controffensiva russa diretta probabilmente in corso”, e il presidente ucraino Petro Poroshenko ha detto “L’invasione delle forze russe ha avuto luogo”. Il comandante della NATO Briga. Gen. Nico Tak ha detto il 28 agosto che “ben oltre” 1.000 soldati russi operavano nella zona del conflitto Donbass. La settimana prima dell’ “invasione”, la Russia aveva bombardato le unità ucraine da oltre confine, anche se casi di bombardamenti transfrontalieri dalla Russia erano stati segnalati da metà luglio. A quel tempo, il portavoce del governo russo aveva negato queste relazioni. Nell’agosto 2014, un sondaggio del Centro Levada ha riferito che solo il 13% di quei russi ottennero un sostegno diretto del governo russo in una guerra aperta con l’Ucraina.

Relazioni umanitarie

Le Nazioni Unite hanno osservato un “allarmante deterioramento” dei diritti umani nel territorio detenuto dagli insorti affiliati con la Repubblica Popolare di Donetsk e la Repubblica Popolare di Lugansk. Le Nazioni Unite hanno segnalato una crescente illegalità nella regione, documentando casi di uccisioni mirate, torture e rapimenti , effettuati principalmente dalle forze della Repubblica Popolare di Donetsk. L’ONU inoltre ha riferito di minacce contro, attacchi a, e rapimenti di giornalisti e osservatori internazionali, nonché pestaggi e attacchi ai sostenitori dell’unità ucraina. Un rapporto di Human Rights Watchha detto che “le forze anti-Kiev in Ucraina orientale rapiscono, attaccano, e molestano le persone sospettate di sostenere il governo ucraino o considerate indesiderabili […] gli insorti anti-Kiev stanno utilizzando pestaggi e sequestri per inviare il messaggio che chi non li supporta farebbe meglio a tacere o ad andarsene “. Ci sono state anche più istanze di percosse e rapimenti dei residenti locali da parte delle truppe ucraine, come la milizia di Oleh Lyashko e il battaglione di difesa territoriale Aidar. Nel mese di agosto, Igor Druz, un consulente del comandante generale degli insorti filo-russi Igor Girkin, ha detto che “in varie occasioni, in uno stato di emergenza, abbiamo effettuato esecuzioni sparando per evitare il caos. Come risultato, le nostre truppe, quelli che abbiamo tirato fuori da Sloviansk, sono molto disciplinati “.

In una relazione di Human Rights Watch, questa organizzazione ha accusato le forze governative, le milizie filo-governative ei ribelli dell’uso indiscriminato di razzi non guidati in aree popolate, causando la morte di un numero significativo di civili. Questa organizzazione dedicata alla difesa dei diritti umani ha sottolineato in questa relazione che l’uso indiscriminato di razzi in aree popolate viola il diritto internazionale umanitario o le leggi di guerra, e può costituire crimine di guerra.[28]

Un rapporto dell’Ufficio delle Nazioni Unite dell’Alto Commissario per i Diritti Umani (OHCHR) rilasciato il 28 luglio ha detto che sulla base di “stime prudenti”, almeno 1.129 civili sono stati uccisi dalla metà di aprile, durante i combattimenti, e almeno 3.442 sono stati feriti. Inoltre, la relazione ha rilevato che sono stati causati almeno 750.000 dollari di danni per immobili e infrastrutture negli oblast di Donetsk e Luhansk. Human Rights Watch ha detto che le forze governative ucraine, i paramilitari filo-governativi, e gli insorti avevano utilizzato razzi Grad non guidati in attacchi contro aree civili, affermando che “l’uso di razzi indiscriminati in aree popolate viola il diritto internazionale umanitario, o le leggi di guerra, e possono costituire crimini di guerra”. Il New York Times ha riferito che l’alto tasso di morti civili aveva “lasciato la popolazione in Ucraina orientale amareggiata verso un governo filo-occidentale dell’Ucraina”, e che questo sentimento ha contribuito a “stimolare il reclutamento” per gli insorti.

Ai primi di agosto, almeno 730.000 civili erano fuggiti combattendo nel Donbass o lasciato esso per la Russia. Questo numero, molto più grande rispetto alle stime precedenti, è stato dato dall’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR). Il numero dei profughi interni è salito a 117.000. Con l’inizio di settembre, dopo una brusca escalation nel corso del mese di agosto, il numero di sfollati provenienti dal Donbass all’interno dell’Ucraina è più che raddoppiato a 260.000. Il numero di rifugiati che sono fuggiti dal Donbass alla Russia è salito a 814.000.

Reazioni

Molti osservatori hanno chiesto sia al governo ucraino sia agli insorti di cercare la pace, e di allentare le tensioni a Donetsk e a Luhansk.

  • Bielorussia Bielorussia – Il presidente Alexander Lukashenko dall’inizio del conflitto ha incoraggiato colloqui di pace e a settembre ha ospitato l’accordo di Minsk. Il 4 settembre ha firmato un decreto per ristabilire una zona di controllo delle frontiere tra la Bielorussia e la Federazione russa al fine di “prevenire l’immigrazione clandestina e il trasporto di stupefacenti e di altre merci illegali”.
  • Rep. Ceca Rep. Ceca – Il presidente ceco Miloš Zeman ha detto il 5 settembre che la situazione nel Donbass potrebbe “trasformarsi in una invasione russa, ma in questa fase, si tratta di una guerra civile tra i due gruppi di abitanti ucraini”. Le sue parole erano in disaccordo con le dichiarazioni del Primo Ministro Bohuslav Sobotka e del Ministro della Difesa Martin Stropnický, che disse ci fossero almeno 5.000 truppe russe in Ucraina. Il primo ministro Sobotka ha anche detto: “Suppongo che l’Europa non dovrebbe danneggiare se stessa con queste sanzioni,[…] considero l’escalation di sanzioni un business molto rischioso”.
  • Unione europea Unione europea – L’UE ha iniziato ad imporre sanzioni sulla Russia nel marzo 2014, dopo l’annessione della Crimea, con gli elenchi delle persone ed entità sanzionate ampliati più volte in concomitanza con l’escalation nel Donbass. In seguito alle presunte incursioni delle Forze Armate russe nel territorio dell’Ucraina alla fine di agosto, i leader europei hanno condannato l’azione in un vertice a Bruxelles e hanno annunciato un nuovo giro di sanzioni.
  • Francia Francia – La Francia è stata criticata al momento dell’annessione della Crimea per aver continuato a preparare due navi d’assalto Mistral per la consegna alla Russia. La prima doveva essere consegnata nel mese di ottobre 2014. La Francia alla fine ha deciso di posizionare la consegna in attesa nel mese di settembre, dopo l’aumento dell’escalation nel Donbass, e ha riportato l’intervento russo lì.
  • Germania Germania – A un vertice UE a fine agosto 2014, il cancelliere Angela Merkel ha avvertito che il presidente russo Vladimir Putin si stava muovendo verso una escalation militare che avrebbe potuto minacciare la Lettonia e l’Estonia. Il suo atteggiamento venne segnalato per riflettere le conclusioni tratte da lunghe conversazioni con Putin nei nove mesi precedenti, insieme con la prova di malafede da parte di Putin.
  • NATO NATO – La NATO ha pubblicato una dichiarazione sulla guerra in Donbass e la crisi di Crimea nel mese di agosto 2014. Ha tentato di sfatare le accuse del governo russo contro il governo ucraino, e anche altre dichiarazioni fatte dalla Russia per giustificare la sua presenza in Ucraina. Secondo la dichiarazione, la Russia ha tentato di “distogliere l’attenzione dalle sue azioni” e “livellato una serie di accuse contro la NATO che si basano su travisamenti dei fatti”. Ha anche detto che la Russia “ha fatto attacchi senza fondamento sulla legittimità delle autorità ucraine e ha usato la forza per conquistare parte del territorio dell’Ucraina”. In risposta all’ingresso non autorizzato del convoglio umanitario russo il 22 agosto, il Segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen ha dichiarato che questo incidente potrebbe “solo approfondire la crisi nella regione, che la Russia stessa ha creato e ha continuato ad alimentare. L’inosservanza dei principi umanitari internazionali solleva ulteriori interrogativi sul fatto che il vero scopo del convoglio di aiuti è sostenere i civili o di fornire separatisti armati “. Verso la fine del mese di agosto, i generali della NATO si sono incontrati e hanno rivisto la loro valutazione della situazione militare nel Donbass. Hanno detto che, dal punto di vista del governo ucraino, la guerra è già persa. È stato anticipato che nel tardo agosto un’offensiva nel sud dell’Oblast di Donetsk avrebbe potuto essere utilizzata per creare un corridoio di terra russa verso la Crimea, consolidando l’annessione illegale della penisola.
  • Russia Russia – Il ministero degli Esteri russo ha accusato le autorità ucraine di “incolpare” il governo russo per tutti i suoi problemi e ha dichiarato che “il popolo ucraino vuole ottenere una risposta chiara da Kiev a tutte le loro domande. È tempo di ascoltare queste rivendicazioni legali.” Ha inoltre dichiarato che stava “osservando con attenzione” gli eventi a est e a sud dell’Ucraina, e ancora una volta invocò “una vera riforma costituzionale” che avrebbe trasformato l’Ucraina in una federazione. In un opinone del 7 aprile del Guardian, il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha scritto che erano l’Europa e gli Stati Uniti, e non la Russia, colpevoli di destabilizzare l’Ucraina e che “la Russia sta facendo tutto il possibile per promuovere la stabilizzazione precoce in Ucraina”. Il ministero degli Esteri russo ha emesso una condanna severa dell ‘”ordine penale” di Kiev per l’aggressione armata contro Donetsk: “le autorità di Kiev, che si sono auto-proclamate a seguito di un colpo di stato, hanno avviato la repressione militare violenta delle proteste, chiedendo che gli scagnozzi del Maidan, che hanno rovesciato il presidente legittimo, fermino immediatamente la guerra contro il loro stesso popolo, per adempiere tutti gli obblighi derivanti dall’accordo del 21 febbraio “. Il presidente russo Vladimir Putin ha paragonato l’assedio delle città, controllate della DPR e della LPR, di Donetsk e di Luhansk all’assedio di Leningrado durante la seconda guerra mondiale: “Purtroppo, mi ricorda la seconda guerra mondiale, quando le forze fasciste tedesche circondarono le nostre città, come Leningrado, e bombardarono i centri abitati e i loro residenti” .
  • Regno Unito Regno Unito – In un comunicato in una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite il 6 agosto, il rappresentante permanente del Regno Unito presso le Nazioni Unite Sir Mark Lyall Grant disse: “La verità della questione è che non si tratta di un’insurrezione nata nel Donbass, ma è una rivolta fabbricata a Mosca. Essa è guidata dai russi, utilizzando armi fornite dai russi, in uno sforzo deliberato per destabilizzare l’Ucraina e di esercitare il controllo su Kiev”. Sir Mark ha fatto un’altra dichiarazione al Consiglio di sicurezza il 28 agosto, in cui diceva che “100 carri armati, 80 corazzati da trasporto truppa, 100 sistemi di difesa aerea trasportabile, 100 armi anticarro e più di 100 pezzi di artiglieria” sono stati ceduti agli insorti del Donbass direttamente dalla Russia.
  • Nazioni Unite Nazioni Unite – Un comunicato stampa emesso a nome del segretario generale Ban Ki-moon ha sottolineato l’importanza del “dialogo orientato ai risultati e costruttivo tra tutte le parti interessate”, e di adesione ai termini dellaDichiarazione di Ginevra sull’Ucraina. La dichiarazione ha anche chiarito che la situazione “resta estremamente volubile”.
  • Stati Uniti Stati Uniti – Il segretario di Stato USA John Kerry ha detto il 7 aprile 2014, che gli eventi “non sembrano essere spontanei” e ha invitato la Russia a “sconfessare pubblicamente le attività dei separatisti, sabotatori e provocatori” in una telefonata al suo omologo russo Sergej Lavrov. Una portavoce del Consiglio di Sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha rilevato che i separatisti sembravano essere sostenuti dalla Russia. “Abbiamo visto simili cosiddette attività di protesta in Crimea, prima dell’annessione presunta della Russia”, ha detto in una dichiarazione, aggiungendo: “Chiediamo al presidente (Vladimir) Putin e al suo governo di cessare tutti gli sforzi per destabilizzare l’Ucraina, e li avvertiamo contro ulteriori interventi militari “. Il governo degli Stati Uniti sta inviando consiglieri militari in Ucraina per aiutare il governo ucraino nella sua lotta contro gli insorti. Nel mese di aprile, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha spedito un pacchetto di 7 milioni di dollari USA in equipaggiamenti militari non-letali alle forze ucraine, che sarà seguito da un altro pacchetto di 8 milioni di dollari compresi vettori blindati, merci e veicoli di pattuglia, binocoli, visori notturni e piccole motovedette. Questo aiuto contribuisce a formare le forze ucraine. L’ambasciatore americano in Ucraina Geoffrey R. Pyatt ha caratterizzato gli insorti filo-russi come “terroristi”.

Classificazione del conflitto

Newport, 5 settembre 2014

 

La NATO considera il conflitto una guerra con irregolari russi, e gli altri lo considerano una guerra per procura tra la Russia e la NATO. Il Comitato Internazionale della Croce Rossa, l’arbitro del diritto internazionale umanitario per le Nazioni Unite, ha descritto gli eventi nella regione del Donbass come un “conflitto armato non internazionale”. Alcune agenzie di stampa, come ad esempio il Telegraph, l’Agenzia d’Informazione della Russia e Reuters, hanno interpretato questa dichiarazione come dire che l’Ucraina era in uno stato di “guerra civile”. Dai primi di settembre, Amnesty International ha detto che considerava la guerra come “internazionale”, al contrario di “non-internazionale”. Il Segretario generale di Amnesty International Salil Shetty ha detto che “le immagini satellitari, insieme con le relazioni di soldati russi catturati all’interno dell’Ucraina e testimonianze di soldati russi e veicoli militari che passano attraverso il confine non lasciano alcun dubbio che questo è ora un conflitto armato internazionale”.

Il Presidente della Verkhovna Rada ed ex presidente sostituto ucraino Oleksandr Turchynov considera il conflitto una guerra diretta con la Russia. Secondo il presidente ucraino Petro Poroshenko, la guerra sarà conosciuta nella storia dell’Ucraina come la “guerra patriottica”.

Note

  1. ^ Partecipazione ufficialmente negata dal governo russo.
  2. ^ BBC News – As it happened East Ukraine crisis, BBC News, 15 aprile 2014.
  3. ^ WRAPUP 8-Separatists tighten grip on east Ukraine, EU agrees more sanctions on Moscow, Reuters, 14 aprile 2014.
  4. ^ Ukraine crisis: Pro-Russia forces lay siege to official buildings in east – live, The Guardian, 14 aprile 2014.
  5. ^ Pro-Russian protesters seize govt buildings in Ukraine’s Donetsk, Lugansk and Kharkov, Russia Today, 6 aprile 2014.
  6. ^ Crisis-hit Ukraine eyes national status referendum, Yahoo News, 14 aprile 2014.
  7. ^ Donetsk’s pro-Russian activists prepare referendum for ‘new republic’, The Guardian, 8 aprile 2014.
  8. ^ Russia Moves Artillery Units Into Ukraine, NATO Says su nytimes.com. URL consultato l’8 novembre 2014.
  9. ^ Russian Artillery Units Are Firing at Ukrainian Soldiers, NATO Says su time.com. URL consultato l’8 novembre 2014.
  10. ^ http://www.corriere.it/esteri/14_aprile_08/ucraina-filo-russi-sequestrano-60-ostaggi-kiev-blitz-sede-anti-terrorismo-38433ea2-bf3b-11e3-9575-baed47a7b816.shtml
  11. ^ http://www.avvenire.it/Mondo/Pagine/Ucraina-scontri-ad-Est.aspx
  12. ^ http://www.affaritaliani.it/ultimissime/flash.asp?ticker=100414120000
  13. ^ http://www.nuovosud.it/fattinotizie/combattimenti-senza-fine-ucraina-i-militari-di-kiev-riprendono-mariupol-12547
  14. ^ http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-mondo/ucraina-scontri-nellest-centinaia-di-morti-1893294/
  15. ^ http://matteocazzulani.wordpress.com/2014/06/15/ucraina-miliziani-russi-abbattono-tre-aerei-dellesercito-ucraino/
  16. ^ http://www.grr.rai.it/dl/grr/notizie/ContentItem-753513ad-a910-4b49-b0d3-6f98abdf4c54.html
  17. ^ http://it.ibtimes.com/articles/67333/20140615/russia-ucraina-aereo-abbattuto-ambasciata-kiev-mosca.htm
  18. ^ http://it.euronews.com/2014/06/15/ucraina-strage-di-militari-a-luhansk-poroshenko-puniremo-i-responsabili/?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+euronews%2Fit%2Fhome+%28euronews+-+home+-+it%29
  19. ^ http://it.radiovaticana.va/news/2014/06/15/ucraina_lutto_per_i_militari_morti,_ancora_stallo_sul_gas/1101794
  20. ^ http://it.euronews.com/2014/06/15/ucraina-omaggio-ai-soldati-morti-nell-abbattimento-del-loro-aereo/?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+euronews%2Fit%2Fhome+%28euronews+-+home+-+it%29
  21. ^ http://www.laperfettaletizia.com/2014/06/ucraina-fosforo-bianco-su-slaviansk.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+rivistaonlineLaPerfettaLetizia+%28La+Perfetta+Letizia+-+Quotidiano+di+ispirazione+cattolica%29
  22. ^ http://www.corriere.it/esteri/14_giugno_15/crisi-ucraina-nave-spia-italiana-entrata-mar-nero-2ae5607c-f498-11e3-8a74-87b3e3738f4b.shtml
  23. ^ http://matteocazzulani.wordpress.com/2014/06/16/putin-avvia-la-guerra-del-gas-contro-europa-ed-ucraina/
  24. ^ http://it.euronews.com/2014/06/16/gas-tra-kiev-e-mosca-la-guerra-sul-prezzo-finisce-alla-corte-di-stoccolma/?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+euronews%2Fit%2Fhome+%28euronews+-+home+-+it%29
  25. ^ ANSA, 21/07/2014, http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2014/07/21/aereo-abbattuto-in-ucraina-cadaveri-ammassati-su-un-treno.-il-giallo-delle-scatole-nere_6b0ae49a-db3d-4ff7-a1cc-3cf6d361bbe0.html.
  26. ^ Ucraina, comandante ribelli sa che combattenti avevano missile Buk in Reuters, 23 luglio 2014. URL consultato il 17 agosto 2014.
  27. ^ MH17: Ukraine separatist commander ‘admits’ rebels had Buk missile system in The Guardian, 23 luglio 2014. URL consultato il 17 agosto 2014.
  28. ^ (EN) Ukraine: Unguided Rockets Killing Civilians (Ucraina: razzi non guidati stanno uccidendo civili) in Human Rights Watch, 17 de luglio de 2014.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY